RECENSIONE 9-1-1 3×01-02-03

9-1-1 RECENSIONI SERIE TV
Share

Da un paio di settimane, una delle serie più seguite di questi ultimi anni è tornata con la sua 3°stagione -e noi siamo tornati con una tripla recensione solo per voi!

Sto parlando – ovviamente- di 9-1-1 l’ultimo piccolo capolavoro di Ryan Murphy, che riesce a lasciarci senza fiato già con i primi 3 episodi.

Ho deciso di racchiudere tutto in un’unica recensione, poiché questi primi episodi sono stati uniti dallo stesso importante e sconvolgente avvenimento.
Dopo aver recuperato tutti  gli episodi – ho resistito alla tentazione e ho deciso di guardarli tutti insieme per lasciarmi coinvolgere maggiormente- mi sono resa conto che questa è veramente una delle serie migliori che io abbia mai visto, e credetemi, sono tante.
Questo evento supera molto quello dello scorso anno, che già era spettacolare di suo, ma lo scenario era così realistico che mi mancava l’aria mentre le onde stavano distruggendo tutto.
E’ stato devastante vedere come la vita di tutte quelle persone, che stavano solo passando una bella giornata, e’ stata segnata da un evento catastrofico, uno di quello che nessuno può fermare o impedire.

La nuova stagione inizia nel peggiore dei modi per Buck.
Il ragazzo dopo essere rimasto ferito, nel finale della scorsa stagione, non se la sta passando nel migliore dei modi. E dopo aver perso la ragazza, perde anche il lavoro.
Si, le condizioni di Buck non gli permettono di ritornare all’azione e lui si rifiuta di sprecare la sua carriera dietro una scrivania.

Buck è stato il protagonista indiscusso di questi 3 episodi.

Se all’inizio è disperato, affranto, deluso, nel corso del tragico tsunami lo vediamo fare ciò che più ama, salvare delle persone.
Tutto questo gli dà la forza di credere di potercela ancora fare ma allo stesso tempo gli provoca quell’amaro senso di nostalgia che si prova quando si perde se stessi.
Inutile dirvi che il mio momento preferito è stato quello in cui Buck cercava Cristopher.
Sono stata in ansia proprio con Buck mentre cercava il piccolo in ogni dove, e stavo male per lui al pensiero di dover dire ad Eddie ciò che era successo. Ma, quando quella donna l’ha riportato da loro dicendo che stava cercando Buck mi si è scaldato il cuore.
Ho apprezzato tutte le loro scene, le ho trovate veramente dolcissime e veritiere. Certe volte basta guardare un bambino sognare per ritornare ad avere speranza. Ed è quello che Christopher sta facendo con Buck, lo sta salvando.

Io amo questi episodi perchè mi fanno credere ancora nell’umanità, è sempre bello vedere come le persone si aiutano e sostengono durante momenti come questi. Ti mostrano come dovrebbe andare il mondo. Ma, ahimè, questo è uno scenario che vediamo solo durante le tragedie.
Ho apprezzato l’aiuto della figlia di Athena, che spero possa intraprendere le orme della madre, e anche la collaborazione tra Maddie e quella ragazzina che stava solo cercando il suo amico.

Il finale mi ha lasciato senza fiato, oltre alle bellissime parole pronunciate da Buck, è stato tutto emozionante. Dall’abbraccio di Maddie alla ragazzina fin alla partecipazione del team alle nozze della coppia salvata. Per non parlare dei murales dedicati a tutte le persone scomparse e a chi non c’è l’ha fatta.

Un inizio che ci promette un altra sensazionale stagione.

Prima di salutarvi, e di darvi appuntamento per la prossima recensione, vi consiglio di passare dalle nostre affiliate: Ryan Guzman Italia e Jennifer Love Hewitt Italia. E per rimanere sempre aggiornati sulle novità, seguiteci sulla pagina Facebook.