#nostalgiaisback08: My Mad Fat Diary

#nostalgiaisback IN EVIDENZA ORIGINALI SERIE TV
Share

Cinque anni fa sono stata a Londra per la prima volta, per il primo di molti viaggi nella capitale londinese. Quel viaggio non solo mi ha fatto innamorare definitivamente di una città che avevo a lungo sognato e idealizzato, ma mi ha anche fatto scoprire una piccola chicca televisiva britannica che porterò sempre nel cuore.

Sto parlando di My Mad Fat Diary, una dramedy di E4 purtroppo inedita in Italia e meno conosciuta di quanto meriterebbe. Proprio per questo, a molti di voi questo titolo non dirà molto, ma se volete saperne di più e siete pronti a lasciarvi catturare dalle avventure e disavventure di Rae siete nel posto giusto.

My Mad Fat Diary è tratto dal romanzo autobiografico di Rachel ‘Rae’ Earl My Fat, Mad Teenage Diary e racconta la sua difficile adolescenza con ironia e sentimento.

Stamford, 1996. La sedicenne Rae torna nella piccola cittadina d’origine nel Lincolnshire dopo essere stata lontana quattro mesi. Quattro mesi che la ragazza ha trascorso in un ospedale psichiatrico dopo aver tentato il suicidio. Rae infatti è pesantemente sovrappeso, ha problemi di alimentazione e di autolesionismo. Quando esce dall’ospedale si ritrova catapultata nel mondo esterno del quale sente di non poter far parte, ma piano piano scoprirà che la felicità è possibile anche per lei nonostante le difficoltà.

Collante della nuova vita di Rae e punto di forza (uno dei molti) dello show è lo scapestrato gruppo di amici che la ragazza impara piano piano a conoscere e amare, lasciandosi conoscere e amare in ritorno. C’é Chloe, la sua migliore amica d’infanzia così diversa da lei; Archie, dolce e introverso; Chop e Izzy, che formano una strana coppia. E poi c’è Finn: bello e popolare, che nasconde un cuore grande e che sarà l’amore di Rae.

Musica, sarcasmo e sentimenti

La storia raccontata da My Mad Fat Diary ha il pregio di essere assolutamente realistica e universale. Non importa se i nostri problemi sono diversi o minori di quelli di Rae: la serie riuscirà sempre a entrarci sottopelle e nel cuore. È in grado infatti di raccontare temi molto forti e difficili quali il bullismo, i problemi alimentari, il senso di inadeguatezza e la depressione, l’autolesionismo o i pensieri suicidi senza mai indugiare nella spettacolarizzazione o nella santificazione di essi. 13 Reasons Why, guarda e impara!

My Mad Fat Diary non racconta solo le difficoltà della vita di Rae, ma anzi – come avviene spesso nella vita vera – le intreccia alle gioie, agli amori e all’ottimismo della giovinezza. Perché la forza di questo show sta proprio nel non dare mai un’immagine vittimista. Attraverso il sarcasmo e l’ironia di Rae ci ricorda che dentro di noi abbiamo le armi per superare anche le situazioni più complesse, quelle in cui un vortice nero sembra inghiottirci.

Immagine correlata

Non sono solo i temi trattati a rendere My Mad Fat Diary irresistibile, ma anche il modo in cui essi sono messi in scena. Rae tiene un diario e ciò che scrive si materializza davanti ai nostri occhi, mentre le nostre orecchie sono conquistate dall’iconica colonna sonora che spazia nel panorama musicale inglese degli anni ’90 con gli Oasis che ricoprono un ruolo centrale e iconico.

Tra amicizie, rivincite personali, scoperte sessuali e disagi esistenziali, My Mad Fat Diary non è un teen drama come gli altri. Si distingue, anzi, per la grande maturità e al contempo la leggerezza (non intesa in senso negativo) con cui ci propone la storia di crescita personale di Rae che da scostante e scontrosa ragazzina si trasforma piano piano in una donna indipendente e coraggiosa.

My Mad Fat Diary è una serie senza filtri che non dovrebbe mancare nel bagaglio di tutti gli appassionati.

Fidatevi di noi: guardatela! Non potrete resistere alla simpatia di Rae, alla dolcezza di Finn e all’atmosfera british anni ’90.

Per rimanere sempre aggiornati sulle novità, seguiteci sulla pagina Facebook, sul gruppo dedicato a Cinema&TV, sul Canale Telegram e sugli altri social. Se avete suggerimenti o volete entrare a far parte del nostro team, inviateci una e-mail oppure contattateci sui nostri social.