RECENSIONE Chicago Med 4×14

Chicago Med RECENSIONI SERIE TV
Share

Chicago Med sta mettendo alla prova il mio sistema nervoso, che gioie.

Avete presente i voli in aereo di prima mattina?

Vorreste dormire e godervi il volo giusto? Ma no, c’è il bambino che piange ininterrottamente.

Ecco, mi sento così.

E dire che eravamo partiti davvero bene eh.

Io non capisco cosa sta succedendo in questo ospedale, perché mi sembra di aver a che fare con una banda di esauriti, roba che una seduta dal dottor Charles farebbe davvero bene a tutti.

Non lo so, mi stanno piacendo davvero poche cose, faccio proprio fatica a star dietro alla serie, cosa fin ora mai successa.

Stanno lentamente uccidendo i personaggi, secondo il mio modestissimo punto di vista

Prima tra tutti Ava.

Secondo me la stanno proprio snaturando, andando in contrasto con il personaggio visto e creato fino ad ora.

Qualcuno mi spiega come diavolo ha fatto a diventare una donna apparentemente ossessionata da un uomo quando in partenza era indipendente, spiritosa e decisamente scaltra? No perché a me non torna molto questa cosa.

Come detto nella scorsa recensione disapprovo la scelta di aver reso il possibile contagio intenzionale, ma vi pare?

Trovo sia di pessimo gusto, soprattutto per chi è malato davvero e per chi è stato contagiato a sua insaputa.

Non ha senso farla apparire una psicopatica completa quando l’intento iniziale era ben altro.

Onestamente stanno rovinando uno dei personaggi con più potenziale in assoluto.

E non mi starebbe nemmeno bene che etichettassero Connor come un visionario, perché uno dei due ci perderebbe a prescindere.

Bocciata a pieno.

Will Halstead.

Io devo provare a non essere cattiva, ma non garantisco assolutamente nulla.

Lascerò parlare Mara Maionchi per me, regia prego:

Chicago Med

Ecco, appunto.

È un macigno, seriamente.

Sono arrivata a sperare vivamente che Natalie vada con Ian Harding molto spettinato e al diavolo il rosso, perché io con uno così manco un cocktail al bar.

Continua a mostrarsi immaturo, senza contenuti e anche senza un briciolo di sale in zucca, per non farsi mancare nulla.

Ora, sta facendo le stesse identiche cose che faceva nella prima stagione.

Identiche. Sputate.

Ma è mai possibile che debba continuare a fare danni in ospedale senza pensare minimamente alle conseguenze?

Perché per il resto non sta dando contributi reali alla trama, anzi, tutt’altro.

Che senso ha avuto dargli un paziente che senza nessuna ragione è morto, mentre Will provava inutilmente a salvarlo?

Spero davvero che gli autori si diano una svegliata perché io altri 8 episodi così mi sparo, ve lo dico.

Carina la trama di Maggie, ma non capisco tutto questo inalberarsi della Goodwin.

Cioè, avrebbe senso se qualcuno in quell’ospedale rispettasse le regole, ma dato che non mi sembra questo il caso non capisco tutto sto problema d’etica.

Diciamo che Chicago Med si perde in un bicchier d’acqua.

Credo che a volte a questa serie manchino proprio le cose base, tipo un filo logico, o anche una trama sensata.

Dovrebbe esserci una sorta di parità di trattamento, giusto per non far impazzire chi come me non pretende chissà cosa.

Non so che dire, son sincera.

Questo repentino cambiamento mi ha decisamente turbata, proprio perché Chicago Med è sempre stata la serie più lineare, senza troppi fronzoli o uscite dal tracciato.

Spero che nei prossimi episodi si crei un qualcosa di stabile, anche se ho già visto cose che mi piacciono proprio poco.

Roba da vade retro satana, per dire.

Ma vedremo, alla prossima!

Un saluto alle nostre affiliate che ci accompagnano sempre e comunque! Chicago Med Italia One Chicago Daily  Chicago Trilogy Serial Lovers – Telefilm Page Chicago Fire & PD fanclub italia

E se volete commentare gli episodi passate anche dal gruppo Chicago Fire, P.D & MED Italia