RECENSIONE Chicago P.D 6×06

Chicago P.D. RECENSIONI SERIE TV
Share

E niente, episodio di Chicago P.D da dieci e lode.

Ho adorato ogni singolo momento, è stata proprio impostata bene, come se ogni cosa tornasse al proprio posto dopo secoli.
È stato davvero bello, sotto ogni punto di vista. Le problematiche basilari ci sono sempre, ma oggi sono talmente contenta che potrei dire tutt’altro.
Capiamoci, ho ritrovato una coerenza nella trama che mancava secondo me, ho ritrovato uno Chicago P.D già conosciuto, onesto e sincero, fedele alla sua natura originale.
Chicago P.D ha subito tanti colpi, uscite, entrate, ascolti sempre buoni ma un po’ ballerini, autori distratti, ma credo che questo episodio sia la vera ricompensa di tutto sto macello.

Chicago P.D

 

  • Prima tra tutti ho adorato Hailey Upton.
    Quando Sophia Bush ed Erin hanno lasciato la serie per me è stato un durissimo colpo, era davvero il mio personaggio preferito, una spanna sopra tutti nonostante la pesantezza che a volte raggiungeva.
    Hailey ha preso questo fardello e Tracy Spiridakos sta svolgendo un lavoro magistrale, dando a questo personaggio uno spessore ed un carattere che pochi personaggi femminili hanno.
    Mi dispiace per Kim, ma per quanto badass sia, credo non raggiungerà mai questo spessore. Non lo dico con cattiveria o malizia, ma penso che il personaggio di Tracy sia stato costruito davvero a doc.
  • Il che ricollega alla mia seconda cosa preferita, ossia Jay Halstead.
    Trovo sia un partner perfetto, la giusta spalla su cui fare affidamento, ma soprattutto è davvero decisamente scaltro.
    Jay sa il fatto suo, sa quello che succede tra quelle quattro mura e le conseguenze che può avere ed inevitabilmente cerca di salvare la sua compagna.
    Credo anche che però gli autori stiano giocando con queste scene ambigue, perché manco loro sanno che stanno combinando.
    Diciamo che sugli Upzek non li vedo molto convinti, mi sembrano ancora frenati dal fantasma dei Burzek che aleggia alle loro spalle. Staremo a vedere.

 

  • Ultima nota di merito ad Hank Voight, quando mi mancavano le sue minacce contro la coppia di turno? Cioè, ci ricordiamo tutti la scena straziante dei Linstead nello spogliatoio vero? No perché io soffro ancora adesso.
    Diciamo che rivedere il vecchio Voight mi fa sentire di nuovo a casa, senza se e senza ma.
    Il mio Hank in versione papà protettivo/bacchettone è tutto quello di cui questa serie ha bisogno.

Ma mi raccomando, non dimentichiamoci l’esistenza di Antonio e Kim, sono parte del team anche loro e meritano tanto quanto gli altri personaggi, forse anche qualcosina in più, per anzianità e proiettili presi.
Alla prossima!

Chicago PD Italia  | Patrick John Flueger Italia Marina Squerciati Italia | One Chicago Daily | Schiavo di telefilm Chicago Fire & PD fanclub italia

E se volete commentare gli episodi passate anche dal gruppo Chicago Fire, P.D & MED Italia