suspiria Luca Guadagnino

I misteri dietro Suspiria, il nuovo film di Guadagnino

#Analizziamo BIENNALE CINEMA CINEMA EVENTI ORIGINALI
Share

Il remake del film di Dario Argento sbarca a Venezia insieme a tutto il cast

Continuano le giornate a Venezia 75 e oggi abbiamo avuto modo di vedere l’attesissimo remake del film del signore dell’horror italiano, Dario Argento.

Le 2 ore e 32 minuti del film trascorrono veloci e senza intoppi in un film al quale registicamente parlando non si può criticare nulla, ma che non adempie perfettamente alle aspettative che il pubblico aveva.
Infatti, è chiara e profonda la spaccatura che sta dividendo la critica tra chi non riesce ad accettare il nuovo Suspiria e chi lo osanna a capolavoro.

Certamente il lavoro è degno di nota. Luca Guadagnino riesce perfettamente a raccontare del gruppo di streghe, riuscendo a costruire scene che suscitano stupore e inquietano lo spettatore allo stesso tempo.
Le coreografie di ballo sono ammalianti e perfettamente rappresentate grazie anche all’aiuto di una fotografia cupa, ma perfettamente bilanciata che rende l’idea della scuola di danza dove è ambientato il film.

Siamo nella Berlino divisa del 1977 e Susy (Dakota Johnson), dall’America, si ritrova ad essere accettata in questa scuola di ballo dove, sin dalla prima apparizione, attira l’attenzione di Madame Blanc (Tilda Swinton) con la quale si crea una sorta di legame che arriverà all’apice durante il sesto atto del film.

Una scelta piuttosto infelice è quella di affiancare un’attrice come la Swinton alla Johnson che, più in questa interpretazione che mai, sembra essere stata scelta solamente perché figlia d’arte.

L’interpretazione di Chloe Grace Moretz invece è stata troppo breve per potere avere un parere vero e proprio, nonostante il suo personaggio sia di apertura al film. Il personaggio che procede per tutta la durata della pellicola è invece quello del suo dottore.
Dottore che, per scelta del regista, è stato inserito nel film e che non esisteva in quello di Argento. La sua storyline seppure partecipi attivamente ai fatti che avvengono nel film, sarebbe piuttosto scontata se non fosse per il mistero che avvolge il suo interprete.

E qui torniamo a parlare di Tilda Swinton. Pare infatti che l’attrice abbia interpretato ben tre personaggi all’interno del film, in due dei quali non è riconoscibile. Il mistero quindi su chi sia Lutz Ebersdorf, l’attore che interpreta il dottore, si infittisce. Pare infatti che questo sia l’unico film al quale l’uomo, classe 1936, abbia partecipato.
Che dietro ai suoi panni si mascheri l’attrice? Possibilissimo.
Alcune inquadrature e alcune sue tonalità della voce fanno pensare a qualcosa del genere.

L’altro personaggio interpretato dalla donna, invece, dovrebbe e potrebbe essere madre Markos. L’attrice in sala stampa non ha voluto però rivelare alcun dettaglio sui personaggi interpretati da lei.

Un’altra critica ampiamente fatta al regista, è quella di aver scelto per la colonna sonora Thom Yorke, il cantante dei Radiohead, che però, nonostante tutto, è riuscito a creare una colonna sonora che abbraccia perfettamente ogni inquadratura del “nuovo” Suspiria.

Voci non confermate su un possibile remake dell’intera trilogia delle madri sembrano essere confermata dalla scena post credit, ma ancora non si ha alcuna conferma ufficiale a riguardo.

In sostanza, dunque, questo Suspiria è pretenzioso per essere un remake. Tuttavia, data la trama in parte differente da quella originale, potrebbe benissimo considerarsi un film a se stante.

Il paragone tra i due film non sussiste, in quanto Suspiria (1977) non è stato minimamente messo in discussione come film. Argento sul remake non si è pubblicamente espresso, ma Luca Guadagnino in conferenza stampa ha dichiarato di aver parlato privatamente con il maestro, che gli ha rivelato il suo personale parere sul film.

Per quanto ci riguarda questo film va a mescolare nuovamente le carte per il Leone D’Oro di questa settantacinquesima Mostra Internazionale dell’Arte Cinematografica.

Il film uscirà nelle sale il 26 ottobre ed è in parte prodotto da Amazon Studios.

Da #Venezia75 per ora è tutto, passo e chiudo.

Per tutte le novità dalla Mostra del Cinema di Venezia continuate a seguirci qui e sui nostri social!

Per rimanere sempre aggiornati sulle novità, seguiteci sulla pagina Facebook, sul gruppo dedicato a Cinema&TV  e sugli altri social. Se avete suggerimenti o volete entrare a far parte del nostro team, inviateci una e-mail oppure contattateci sui nostri social.