RECENSIONE Supergirl 3×17

RECENSIONI SERIE TV Supergirl
Share

L’unione fa la forza in questa nuova puntata di Supergirl!

Anche questa settimana Supergirl ci trascina in una puntata piena d’azione e molto importante per lo svolgimento della trama.
Dopo aver tenuto nascosta l’identità di Reign, Lena decide di collaborare con il DEO, ma Supergirl non riesce più a fidarsi di lei.
Il loro rapporto viene messo a dura prova, ma chi può dare torto a Lena?
La giovane Luthor stava solo aiutando una sua amica, non era compito suo dire cosa stava accadendo. Non è stata un scelta furba ma è stata fatta in buonafede. Inoltre, in questa puntata è stata molto utile e si è riconquistata la fiducia delle sue amiche.

Sarà anche un pensiero impopolare, ma mi piace veramente tanto la svolta che ha preso la relazione tra Lena e James. Inizialmente lui aveva dei dubbi a causa di Lex, mentre adesso si fida ciecamente di  lei.
-Lena è abbastanza intelligente da ricreare la Kryptonite ma non è abbastanza sveglia da notare che Kara è Supergirl?
Sa che Alex lavora al DEO, che Mon-El è l’ex di Kara e fa squadra con Supergirl, che James è il Guardiano… arrivati ad un certo punto, questa storia diventa assurda!

  • Il ritorno di Jane!

    Sarò onesta, dopo la scorsa puntata, non mi sarei mai aspettata un colpo di scena del genere. Proprio per questo l’ho trovato magnifico.
    Purity, o meglio Jane, si è sempre dimostrata l’unica in grado di controllare il suo alter ego, è riuscita anche nei momenti più difficili a far trapelare la sua umanità. Non avevo dubbi che proprio lei sarebbe riuscita a risvegliarsi per aiutare Supergirl, e ho apprezzato questa scelta perché è stata molto coerente con ciò che abbiamo visto nelle scorse puntate. Jane è riuscita a scappare, non ha esitato neanche un attimo, si è scagliata contro Reign e Pestilence, uccidendo quest’ultima dopo che l’aveva accoltellata.
    Nella valle è stata perseguitata dai fantasmi delle persone che Purity aveva ucciso, ha vissuto con la convinzione di essere un mostro ma è morta da eroina.

  • Si ritorna a casa…o forse no!

    Con Pestilence ormai fuori gioco, la missione della Legion è terminata.
    E’ giunto il momento per Mon-El di ritornare nel futuro con sua moglie, ma c’è qualcosa che gli impedisce di farlo… e no, non si tratta solo di Brainy che deve aggiustare la navicella.
    Il nostro daxamita non riesce più ad a reprimere i suoi sentimenti per Kara ma allo stesso tempo non vuole ferire i sentimenti di Imra. E’ una situazione piuttosto complicata per lui, ma trovo che questa storia faccia bene alla serie.
    Solitamente non reggo i triangoli amorosi, li trovo ripetitivi, ma questo mi intriga e riesce a coinvolgermi. E cosa più importante, da  un tocco di romanticismo in più che spezza l’atmosfera cupa che ha intrapreso questa stagione

Come vi ho detto all’inizio “L’unione fa la forza” ma non sempre è una cosa positiva…
Dopo la morte di Pestilence e Purity, Reign ha incanalato i loro poteri diventando ancora più forte.
Questo rende batterla ancora più difficile ma, la cosa positiva è che Sam sta lottando per ritornare. In questa puntata si è risvegliata per aiutare le loro amiche e sono certa – o almeno lo spero- che ci riuscirà ancora per salvare sua figlia, che possiamo considerare la sua ancora di salvezza!

*BONUS*
Ma quanto è figo il nuovo costume di Alex? Finalmente anche lei ne ha uno!

Prima di salutarvi, vi ricordo di passare dalla nostra affiliata e Kara Zor-El & Mon-El e dalla nostra pagina facebook Bleacheers!