Lucifer

RECENSIONE Lucifer 3×20

Lucifer RECENSIONI SERIE TV
Share

Crazy Lucifer e gli angeli

Welcome welcome fan del nostro diavolo preferito, sono state tre settimane lunghe?

Il nostro adorato Lucifer è tornato con un episodio più pazzo che mai… ma arriveremo da qualche parte, prima o poi?

No perché va bene, bellina la trama, belline le idee, ma in conclusione? Lucifer sclera? Dov’è la news?

Capiamoci, se davvero si ha come obiettivo una quarta stagione questa è una buona strada, ma non perfetta.

Credo che si sorvoli troppo sul personaggio di Lucifer, non offrendo un reale supporto alle sue azioni.

Sono convinta che un protagonista abbia bisogno di basi solide su cui appoggiare, e non teorie.

Credo anche che, come ho già detto, una relazione per essere minata deve prima diventare canon.

Ma, andando con ordine, touchè a Tom Ellis e alla sua bravura: trovo che in questo episodio sia stato perfetto.

Aveva tutto quello che è necessario a rendere il personaggio esaurito: capelli scompigliati, sguardo assatanato e pura follia.

A parte l’adorazione per il riferimento a Bones, trovo davvero che Lucifer abbia bisogno di una svolta.

Lucifer

Perché dopo tre stagioni, non può ancora vivere nell’ombra del padre.

Le azioni di Maze hanno confermato il mio pensiero: i passi avanti sono pochi, perché il loop è sempre uno.

Capisco che la serie debba interamente girare su Lucifer e il suo rapporto col padre, ma ogni tanto vorrei davvero quel salto di qualità.

Non basta nascondersi dietro banali scuse come “Pierce è un cattivone” ecc.

Lucifer deve avere le palle, passatemi il termine, di guardare Chloe e dirle la verità. E con verità intendo la verità sui suoi sentimenti, non sulla sua natura.

Perché qua non si parla di angeli o demoni, si parla di relazioni umane.

Anche perché, alla fine della fiera, Pierce e Chloé sono anche una coppia carina e ben impostata.

Trovo che lo charme di Tom Welling e di Lauren abbiano creato una buona chimica e non fosse per principio, sarebbero anche belli.

Perché a Marcus Pierce va riconosciuta una cosa: ha rischiato.

Ha rischiato per salvare se stesso, certamente è stato egoista, ma l’ha fatto.

Perché secondo me dietro tutto ciò c’è un reale interesse, come testimonia il finale.

Marcus ha fatto quello che Lucifer non ha mai voluto fare realmente: rendersi vulnerabile.

E per quanto trovo romantica la scena in cui il nostro demone spacca la faccia al tenente, la trovo anche piuttosto banale.

Voglio i fatti, non azioni fatte così, per fare.

Ed è per questo che ad oggi apprezzo ampiamente Charlotte.

Io con Charlotte

Nel caos più totale, questa donna ha preso in mano la sua vita.

Poco importa se insultando gente a caso o facendo spogliare Dan in uno stanzino, ma sta cercando la sua strada.

Proprio per questo spero che vada a buon fine sia per il personaggio che per la ship in sé.

Sono belli, che ve devo dì.

Spero che, nel caso di rinnovo, Tricia Helfer trovi realmente il suo posto nella serie, perché lo merita.

Per il resto beh, Amenadiel è molesto, ma non è una novità.

Ci mollasse anche lui.

Vorrei concludere con un elogio agli autori: non trattano un tema facile, si è su un filo dalla blasfemia, ma stanno facendo benissimo.

Sto realmente apprezzando come rendano reale un tema come la religione, spesso basato su visioni o altro.

Stanno umanizzando il discorso e io non posso che apprezzarlo, davvero.

Perché non so quanti avrebbero avuto coraggio di spiegare un’apparizione con una statuetta.

Touchè, e alla prossima!

Passate dalle nostre affiliate per rimanere sempre aggiornati sulla serie Tom Welling Italia Lucifer Italy