Recensione The X-Files 11×08

RECENSIONI SERIE TV X-Files
Share

In questa puntata di The X-Files i nostri due agenti dell’ F.B.I. sono chiamati ad indagare sul misterioso omicidio di un bambino avvenuto in circostanze a dir poco particolari:

uno strano individuo travestito da Mr. Chuckleteeth – personaggio televisivo per bambini – attira il piccolo che poi viene ritrovato morto poco dopo.

Ancora una volta in X-Files, la cittadina sconvolta dall’accaduto si rivolge all’FBI. Mulder e Scully, arrivati sul posto, capiscono subito che si tratta di omicidio.

Alcuni strani indizi, però, spingono Mulder ad indagare su qualcosa di paranormale. Scully, invece, inizia a sospettare anche del padre della vittima, un poliziotto.

Dopo i funerali del bambino i due agenti si dividono per le indagini. Mulder inizia ad interrogare l’unico testimone dell’evento: la figlia del capo della polizia locale.

La bambina riconosce nel suo programma preferito l’uomo che ha portato nella foresta la vittima: Mr. Chuckleteeth.

Mulder, però, riconosce anche alcuni vecchi tomi sugli scaffali della casa. Scully, intanto, si rivolge al capo della polizia per poter escludere il padre della vittima dai sospetti.

La situazione si fa sempre più tesa in città: la popolazione già condanna un uomo sospettato di pedofilia senza prove certe che sia autore dell’omicidio ed erige una sorta di blocco intorno alla sua abitazione.

Mulder non approva questo modo di agire e mentre consulta Scully, il padre della vittima decide di farsi giustizia da solo uccidendo l’uomo tra la folla.

Il processo scagiona il poliziotto, ma la storia continua a farsi più cupa quando viene ritrovata morta anche l’altra bambina: le circostanze sono analoghe.

Mulder si convince dei suoi sospetti e pensa che la città possa essere vittima di una maledizione. Allora chi può essere il colpevole?

Per una serie di coincidenze, il padre della prima vittima – in fuga da Mr. Chuckleteeth – viene ucciso dall’amante di sua moglie, il capo della polizia. Anche la donna, però, finisce in un incidente stradale dopo aver visto una figura somigliante al figlio.

Solo poco dopo il capo della polizia, fuggendo nella foresta, trova sua moglie intenta a compiere un rituale di stregoneria: la scoperta gli costa la vita.

Mulder e Scully, giunti sul posto, assistono impotenti alla morte della donna, avvolta da fiamme improvvise.

Dopo tale evento le strane apparizioni hanno fine ed i due agenti possono andare via pur nutrendo numerosi dubbi su cosa sia veramente successo.

La cittadina della periferia americana che fa da sfondo a questo episodio ha un’atmosfera cupa e misteriosa, proprio come il caso che ha coinvolto passivamente Mulder e Scully.

Tutti gli eventi, infatti, sono accaduti davanti ai loro occhi senza che potessero impedirli; tutto ciò che hanno potuto fare è stato incoraggiare la polizia locale a fare più attenzione in futuro per evitare che l’isteria collettiva dilaghi nuovamente.

Una menzione particolare merita la sequenza iniziale che fra bambini con impermeabili gialli e creature inquietanti dalle sembianze di personaggi amati dai piccini, ricorda molto le atmosfere del celebre film “It“.

Il finale è emblematico dell’approccio diametralmente opposto che Mulder e Scully adottano nell’affrontare i loro casi.

Quanto accaduto nel paesino – secondo Scully – potrebbe essere stato frutto di una follia collettiva fomentata dalle superstizioni tipiche del luogo. Secondo Mulder, invece, la moglie del capo della polizia potrebbe aver usato la stregoneria per scatenare contro la popolazione degli spiriti demoniaci, i “famigli”. A noi spettatori spetta il beneficio del dubbio.

Continuate a seguirci se volete rimanere sempre aggiornati sulle novità da cinema e serie tv sulla nostra pagina Facebook e a visitare le nostre pagine affiliate: X-Files Italia  SerieTvNews