agents

RECENSIONE Agents of S.H.I.E.L.D. 5×11

Agents of S.H.I.E.L.D. RECENSIONI
Share

Ben ritrovati ad con una nuova recensione di Agents of S.H.I.E.L.D.

Dopo ben undici episodi il team Coulson riesce finalmente a ritornare a casa. La situazione, però, non è proprio delle migliori.

Appena riescono a ricollegarsi ad un computer scoprono infatti di non essere solo ricercati ma di essere i più ricercati da tutte le forze dell’ordine. Fortunatamente trovano un rifugio sicuro nel Faro, dove ottengono l’aiuto di un nuovo Cronotone: Noah.

Quando però scoprono un raggio di luce dal cielo, gli agenti capiscono che la profezia del futuro sta iniziando a realizzarsi: il raggio proviene dal macchinario che serve a richiamare i Kree sulla Terra. Così ha inizio una nuova missione per il team Coulson, esclusa Daisy che si trova alle prese con un problema completamente diverso.

Dal futuro è infatti tornato Deke. Nonostante tutti ci aspettassimo che fosse morto, Deke ha viaggiare grazie alla scheggia di monolite che si trovava all’interno della macchina che avrebbe dovuto ucciderlo insieme ad Enoch.

Il ragazzo rimane talmente affascinato dal nostro mondo da regalarci una buffa sequenza esplorativa che va dall’abbracciare un albero ad ubriacarsi in un bar: per un che non conosce le nostre usanze non è facile vivere nel nostro mondo e sconsideratamente viene arrestato per non aver potuto pagare il conto!

Per sua fortuna, Daisy scopre per prima la sua presenza e si dedica al suo salvataggio. Coulson e gli altri, intanto, devono affrontare la minaccia del possibile ritorno dei Kree. Raggiunto il luogo del dispositivo, ritrovano l’agente Piper – apparsa in più episodi durante la serie – che racconta quello che è successo durante la loro assenza. Sfortunatamente, però, questa si rivelerà una trappola del governo per catturare lo SHIELD: li raggiunge una minacciosa squadra di androidi guidata da una misteriosa figura incappucciata che durante il combattimento amputa le braccia a Yo-Yo.

Ma chi è la figura dietro la maschera?

Sapevamo che in questa stagione di Agents of S.H.I.E.L.D. ci sarebbe stata una nuova guest star (rimando all’articolo qui): Dove Cameron.

La nuova nemica dello S.H.I.E.L.D. è impersonata dall’attrice di Descendants e Liv e Maddie. Bisogna ammettere che la sua presenza è riuscita a stupirci sia per l’attrice che per il suo personaggio, Ruby. All’inizio si presenta come la solita ragazza ribelle, ma non potevamo aspettarci che dietro la sua ‘passione’ per Quake potesse nascondersi la “cacciatrice di taglie” mandata dal governo per catturare lo S.H.I.E.L.D. E’ forse possibile che nelle prossime puntate si ribelli alla madre per aiutare Daisy e gli altri?

Non dimentichiamoci, però, quello che è già riuscita a fare in una sola puntata. Yo-Yo adesso si ritrova nello stesso stato in cui ha scoperto la se stessa del futuro. Visto e considerato che lei stessa non era sicura della buon riuscita del piano, di sicuro questo non l’aiuterà a mantenere viva la speranza. Ma c’è di certo chi continuerà a combattere anche per lei, Mack in prima linea.

Adesso che il governo sta mettendo insieme una nuova squadra per fronteggiare gli eroi dello S.H.I.E.L.D. la battaglia per la salvezza della Terra inizia a complicarsi.

Soprattutto perchè è probabile che la macchina abbia davvero lanciato un segnale ai Kree. Infatti, sappiamo già che nel futuro i Kree invaderanno il pianeta e che forse tutto è partito proprio da quel segnale. Come proseguirà adesso la storia? Quali saranno i futuri membri di questa squadra anti-S.H.I.E.L.D.? Come farà il team Coulson a fronteggiare questa nuova minaccia? Per scoprirlo non ci resta che correre al 100° episodio della serie!

Prima di chiudere faccio un ringraziamento speciale va alla pagina di Chloe Bennet Italia che permette la diffusione di questa recensione. Inoltre ringrazio Traduttori Anonimi che crea i sottotitoli di questa serie per noi.

Infine ci tengo a ricordarvi che per rimanere aggiornati sulle vostre serie tv e film preferiti potete seguirci sulla nostra pagina Facebook. E non dimenticate che se avete idee da proporci o se vi piacerebbe entrare nel nostro team, non esitate a contattarci.