RECENSIONE Chicago Med 3×06

Chicago Med RECENSIONI SERIE TV
Share

E niente, io odio le serie prevedibili e Chicago Med lo sta diventando.

Oddio, parliamo chiaro, alcuni spunti interessanti qua e là li intravedo ancora, ma niente di troppo entusiasmante che mi spinge ad alzarmi il mercoledì mattina urlando “ah che bello, finalmente oggi c’è Chicago Med!” anzi, tutt’altro.

Non so, credo l’aria universitaria mi faccia male perché non è umano che io disprezzi ogni singola serie che recensisco (no dai non è vero, non sono così rompiscatole, o forse sì), oppure sono gli autori che schifano quest’anno? Non lo so, la mia vita da seriale (killer ovviamente) ultimamente è un grande punto interrogativo… datemi soddisfazioni, vi prego.

Ah, nel caso qualcuno non lo sapesse, Robin Charles ha preso un biglietto direzione Storybrooke (come avevo accennato nella scorsa recensione), sempre restando in tema ehmanoimicasiamoprevedibili.

No, non mi è piaciuto l’espediente con cui l’hanno fatta andare via e continuerà a non piacermi per via di come è stato trattato Connor dopo tutto quello che ha fatto per aiutare la ragazza… ci vorrebbe un po’ di coerenza autoriale nel raccontare una storia, perché ci sta che un personaggio lasci il franchise per opportunità migliori (vedi Lauren German, Stella Maeve, Julie Berman) ma mi piacerebbe sempre avere una chiusura degna, non per forza tragica, ma soprattutto rispettosa nei confronti degli altri personaggi.

Capiamoci, in sei episodi abbiamo visto Connor in ospedale forse sei volte, tutte le altre era dietro agli isterismi di Robin… questo è rendere uno zerbino un personaggio di spessore, snaturandolo e togliendolo dal suo ruolo di dottore per dare benzina ad una storyline che si sa sarebbe morta da circa metà agosto… caro Chicago Med, anche no dai.

Che poi che la follia ci piace tanto l’abbiamo capito, basta vedere Sarah Reese che da essere una ragazza mezza centrata fissata con patologia è diventata una mezza sciroccata che spruzza spray al peperoncino contro tutti… perché? Vogliamo toglierci anche lei dalle scatole? No basterebbe saperlo prima eh.

chicago med

Nonostante trovi Rachel DiPillo strepitosa in questa veste confermandoci le sue doti da attrice assolutamente sottovalutata, avrei sperato in qualcosa di meglio per lei, specialmente per il percorso compiuto da questo personaggio, proprio perché secondo me è quella con la crescita maggiore.

Il personaggio di Sarah ha avuto una escalation pazzesca, passando dall’anonimato più totale ad avere uno spessore e un suo ruolo ben definito, diciamo che vedere tutto bruciato per così poco mi dispiacerebbe davvero troppo, considerando anche la fiducia che ho riposto in questo personaggio.

Le mie sono ipotesi eh, ma anche qui, ci sta che Rachel voglia lasciare Chicago Med, anzi a dirla tutta lei è sempre stata sul filo del rasoio, dovendo già abbandonare dopo la prima stagione, ma pretendo che il suo personaggio se ne vada (sempre teoricamente parlando) lasciando un buon ricordo nello spettatore come aveva fatto Shay ai suoi tempi (piango ancora)

Non so, a questo punto spero nel miracolo compiuto da Daniel Charles perché la vedo nera… mi piacerebbe essere ottimista come Maggie che offre pizza a tutti, ma non posso farcela.

Che poi i casi trattati sono anche interessanti e abbastanza profondi, vedi quello che coinvolge madre e figlia, ma è il contorno il problema fondamentale della situazione, perché se concentriamo tutta la nostra trama su due coppiette (Ethan&April e Will&Natalie) che nel giro di due puntate e sbaciucchiamenti vari spariscono dallo schermo lasciando il nulla è normale che la serie perda quel fattore interessante che la caratterizzava dall’inizio.

Secondo me va rivista semplicemente la storyline generale della serie, restituendo ai personaggi un’identità singola, dando un po’ di spazio ad ognuno nel suo essere come singolo, non come coppia o ospedale.

Bisognerebbe adottare l’approccio di Chicago P.D. e ridare una storyline al singolo personaggio.

E niente, io aspetto sempre il miracolo.

Un saluto alle nostre affiliate Chicago Med Italia One Chicago Daily  Telefilm Dipendenti Rhodestead – Dr. Rhodes & Dr. Halstead Chicago Trilogy Serial Lovers – Telefilm Page Nick Gehlfuss Italia