Game of Thrones

GoT: tutto quello che sappiamo sulla stagione 7

Game Of Thrones NEWS SERIE TV
Share

Come la notte per la sacerdotessa rossa, la nuova stagione di Game of Thrones può sembrare oscura e piena di terrori.
Jon Snow può non sapere niente, ma noi sappiamo molto riguardo gli avvenimenti che accadranno nei Sette Regni e che vedremo nella stagione 7. Di seguito abbiamo riassunto tutto quello che sappiamo per prepararvi alla visione della nuova serie.


La grande guerra è vicina…

La stagione 7, che debutterà il 16 luglio, riguarda il fuoco che incontra il ghiaccio, il soprannaturale che incontra la politica, e infine riguarda “l’unica guerra che importa”, come ha detto Jon Snow nel primo vero teaser trailer della stagione.

Nel video l’occhio blu di un White Walker incombe oltre i traballanti sigilli, e nel secondo teaser l’occhio blu del Night King incombe sui tre pretendenti al Trono di Spade (Jon Snow, Daenerys Targaryen e Cersei Lannister).

Il messaggio è chiaro: questi tre rivali avranno un nemico comune – e a questo nemico comune poco importa chi è seduto sul Trono quando è arrivato l’inverno.

 

… e anche Daenerys lo è.
Daenerys  è finalmente giunta a Westeros. Il primo trailer ufficiale della nuova stagione mostra la Madre dei Draghi, Distruttrice di Catene, approdare a Roccia del Drago e guarda oltre, mentre il secondo la mostra mentre tira giù lo stemma dei Baratheon appeso dai servitori di Stannis. Lei è lì per prendere finalmente il Trono di Spade – che significa che lei e gli Immacolati si scontreranno molto presto con Cersei e le forze dei Lannister.

Comunque, la sua presenza è solo una delle ragioni per cui la posta in gioco nella stagione 7 è grande come le Montagne della Luna. Anche senza i Bolton e i Tyrell in gioco, ci sono comunque dozzine di pezzi rimasti che possono cambiare lo status quo a Westeros. Bran e Meera, armati con la conoscenza delle vere origini di Jon Snow, si dirigono a sud del Muro verso Grande Inverno; Ditocorto ha il suo posto accanto a Sansa, sempre a Grande Inverno, per spingerlo verso il Trono di Spade; Euron Greyjoy si scontrerà contro Yara e Theon (perché è una cosa che Ironborn non può rispettare); i Tyrell e le Serpi della Sabbia si sono schierati dalla parte di Daenerys; e, oh certo, il Night King è più che felice di distruggerli tutti.

 

Ci si aspetta una grande stagione in ogni caso (nonostante lo scarso numero di episodi)…

I creatori David Benioff e Dan Weiss hanno promesso scopi più grandi, battaglie più grandi, e tanti momenti in più che scioccheranno anche i fan impassibili. Gli attori principali hanno più tempo sullo schermo – abbastanza personaggi principali sono morti alla fine della stagione 6 e coloro che sono ancora vivi sono in procinto di condividere le scene, quindi… – e il ritmo più veloce li ha anche storditi. L’episodio più lungo della serie verrà trasmesso durante la stagione 7. I draghi di Daenerys hanno adesso le dimensioni di un 747. Game of Thrones mostra il maggior numero di persone andare a fuoco per una serie TV. Oh, e Ed Sheeran sarà una guest star (il vostro entusiasmo per quest’ultima notizia può variare). In altre parole, la stagione è grande – della taglia dell’ego di Joffrey.

 

… e una stagione di connessioni.

“Le collisioni umane sono sempre un po’ più grandi – in modi diversi – come un cavallo che corre verso un altro” ha detto Weiss a Entertaiment Weekly. “Questa corsa dei personaggi verso gli altri la avete aspettata a lungo.” Di quali collisioni sta parlando?

Per scoprire la storia che porta alla stagione 7, il giornalista di EW, James Hibberd, ha guardato le riprese di una scena che coinvolge Jon Snow con “personaggi conosciuti” e una “unione di favoriti dai fan mai vista prima che causerà ogni sorta di scossa in queta stagione”. Isaac Hempstead-Wright, che interpreta Bran, ha scelto la parola giusta: “connessioni“.

Certo, ci sarà almeno un’aggiunta – Jim Broadbent che interpreterà un maestro di arco in cinque dei sette episodi, con scene alternate del Sam Tarly di John Bradley – così come un ritorno a lungo atteso, ma non del cast: Alan Taylor, che ha diretto alcuni episodi del Trono (incluso Baelor) nel 2012, è uno dei registi in lista per la stagione 7. Noti registi veterani si siedono dietro le telecamere quest’anno incluso Miguel Sapochnik, che ha gestito La battaglia dei Bastardi, e David Nutter, che ha vinto un Emmy per l’episodio finale della stagione 5 La pietà della Madre.

 
Per altre news continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook e sul nostro sito web dove abbiamo una intera sezione dedicata allo show!
 
FONTE