Once Upon a time

RECENSIONE Once Upon a Time 6×18

Once Upon a Time RECENSIONI SERIE TV
Share

Non vedo l’ora finisca Once Upon a Time perché la cosa sta diventando uno strazio, io non so più che pesci prendere con questa serie.
Fatico a seguirla, fatico a recensirla e soprattutto fatico a ricordare cosa succede durante gli episodi, perché è una cosa senza un tale nesso logico che rende proprio impossibile ricordarsi quel che accade.
Io, a questi termini, di una settima stagione non voglio nemmeno sentirne parlare, perché se siamo allo sbaraglio già così non oso immaginare in altri termini, con altri venti o chissà quanti episodi a disposizione.
È un peccato, perché Once Upon a Time è una serie che agli albori era anche piuttosto bella, con delle dinamiche interessanti ma come molte altre non è stata capace di mantenere questo successo e ha sprecato ogni carta disponibile ad una qualsiasi buona riuscita della serie e perché no, una buonissima chiusura.

Once Upon a Time
Creepy

Hanno incentrato un episodio intero su Zelena, dopo episodi di assoluto silenzio su questo personaggio, ma anche qui, tiriamo fuori sempre la solita trama, nata con sta storia delle sorelle che litigano sempre per poi finir a far pace, per poi litigare di nuovo, vi prego, basta.
Non se ne può più con queste trame trite e ritrite, che annoiano e che risultano specialmente molto banali, perché alla fine si arriva sempre alla solita monotona conclusione.
Con questo non voglio negare che la storia di Zelena è una ventata d’aria fresca, la storia del suo passato intendo, ma questo sminuire i personaggi per fini alquanto discutibili mi piace veramente poco, specie perché odio l’atteggiamento di Regina nei confronti della sorella… della serie, una volta va bene, due anche, ma alla terza basta, provasse ad accettarla per com’è senza fare ogni volta tutta sta tarantella che non si può davvero più sentire, sono davvero solo queste le ultime idee rimaste?
Ho comunque trovato molto carina la scena tra Emma, Zelena e Regina… diciamo che qualcosa di giusto questi autori lo fanno, ogni tanto. Puntassero più sul fattore emotivo e non su trame a caso sarebbe una grande idea, ma questo è solo un mio spassionato consiglio.

Stessa cosa vale per gli Charming, che manco un episodio che sono svegli entrambi e mi viene già voglia di prenderli a testate, o perlomeno, mi viene voglia di prendere a testate David, che tutto insieme sembra essersi scoperto desideroso di un matrimonio regale per la figlia… Ehi ma quindi ti ricordi di essere anche principe ogni tanto?!
Capisco la necessità di liquidare la loro storyline in tempi brevi, perché in ogni caso ormai si sa che la settima stagione non comprenderebbe Ginnifer e Josh, ma queste scelte mi sembrano un accozzaglia di roba buttata lì senza una precisa logica, ecco.

Così come non capisco perché gli autori di Once Upon a Time si ostinino a rendere il personaggio di Belle sottomessa a dei livelli quasi imbarazzanti, perché gente siamo onesti, questo personaggio sono sei stagioni che per un motivo o per l’altro deve sempre salvare/giustificare qualcuno per le azioni oscure che fa.
Okay, Gideon sarà anche sotto il controllo della psicononna (che famiglia discutibile) e Belle e Gold possono provare a far quel che possono per salvare il figlio, ma credo davvero che ci sia un limite a tutto, incluse le giustificazioni.
Detto questo, non capisco nemmeno come possa tornare magicamente utile la Fata Madrina (si chiama così vero? Ho sempre seri problemi coi nomi), cioè, nessuno se l’è filata per anni e ora boom, sembra la soluzione ad ogni cosa… sono colpita, davvero.

La perfezione. Gif su tela(?)

In tutto ciò l’unica gioia sembrano darla i Captain Swan, che tra baci e pancake se ne fregano del mondo e continuano la loro strada verso l’altare, ignorando ogni singola persona esistente per continuare a farsi gli occhi dolci.
Sara approva.
Datemi questo matrimonio/musical e facciamola finita, ho bisogno di un break.

Un saluto alle nostre affiliate |All aboard with Captain Swan;|CaptainSwan “Aye. I’d go to the end of the world for her. Or time” |Colin O’Donoghue; Giorgia in Serieland