La Disney non censurerà la scena gay di Beauty and the Beast in Malesia

CINEMA NEWS
Share

Tra i tanti motivi per cui c’è grande impazienza per il live-action di Beauty and the Beast, c’è anche la famosa scena omosessuale che la Disney ha inserito nel film e che la famosa casa di produzione ha deciso di non tagliare anche in un paese conservativo come la Malesia.
In questo paese a maggioranza musulmana, infatti, l’omosessualità viene vista in maniera altamente negativa, ma la Disney ha deciso di non lasciarsi influenzare da niente e nessuno e di lasciare lì dov’è la scena gay del film, nonostante molti addetti ai lavori del luogo considerino inappropriato far vedere ai bambini la scena in questione.

La BBC News ha poi aggiunto che numerose leggi del luogo proibiscono attualmente l’omosessualità nella nazione, e chi decide di fare coming out viene arrestato o può subire punizioni corporali. Uno studio del 2015 pubblicato dalla Human Right Watch indica che in Malesia le “discriminazioni contro lesbiche, gay, bisessuali e transgender (LGBT) sono all’ordine del giorno”

Josh Gad, l’attore che interpreta il personaggio gay di LeFou, tuttavia, spera che questa possa essere un’occasione per insegnare a tutti che non c’è niente di male nell’accettare chi è diverso da noi, anzi: “Mai giudicare un libro dalla sua copertina” dice Gad,“anche se c’è grande paura verso ciò che non si conosce, Gaston usa il suo fascino per attaccare gli altri, chi è diverso da lui. Qualcuno che rappresenta un pericolo solo perché lo dice Gaston. Penso sia molto importante che in un’opera come Beauty and the Beast scritta 300 anni fa sia compresa una lezione del genere.”

Ci uniamo anche noi alla speranza di Josh Gad e di tutta la Disney che questo messaggio di accettazione possa servire a tutti per capire che non c’è niente di male ad essere se stessi.

E voi? Che ne pensate? Fatecelo sapere e ricordate che per rimanere sempre aggiornati su news e curiosità continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook e se avete idee da proporci, non esitate a contattarci!
FONTE