Grey's Anatomy

RECENSIONE Grey’s Anatomy 13×14

Grey’s Anatomy RECENSIONI SERIE TV
Share

Le emozioni non sono mancate in questa puntata di Grey’s Anatomy… ma forse noi ci siamo persi qualche passaggio. Da quando Amelia si è trasferita a casa di Meredith?


Inizio parlando proprio di quest’ultima perché in questa puntata il suo comportamento mi ha veramente irritata. Lei è un ottimo dottore e capisco il perché la Bailey voglia riprenderla con sé ma, secondo me, ha sbagliato ad andare da lei, ha sbagliato a fare il primo passo perché è lei il capo ed è Meredith che deve ascoltarla. Le due si conoscono da molti anni, hanno un buon legame e questo in parte giustifica il comportamento di Miranda, ma proprio per il loro passato Meredith sbaglia a mettere in dubbio le scelte della donna. Alla fine, Webber convince Mer a tornare a lavoro, cosa piuttosto ovvia, ma io sono solo contenta che Miranda sia rimasta sui suoi passi.

Prima o poi si accorgeranno di che persona fantastica sia Eliza e di quanto impegno ci metta nel suo lavoro, proprio come ha fatto Arizona.
Non so perché la due tengano privato il loro rapporto, credo che questo piccolo particolare creerà altri problemi al gruppo.
Onestamente, mi piacciono insieme, hanno una perfetta chimica e sono veramente stravolgenti, gli autori hanno inserito questo personaggio al momento giusto per non farci sentire la “mancanza” di Callie… e direì che hanno fatto un ottimo lavoro!


Il programma della Minnick va alla grande, mi piace veramente il modo in cui lavora e mi piace ancor di più che diano più spazio agli specializzandi.

Nel caso di questa settimana vediamo coinvolti una madre che decide di donare il proprio rene al figlio malato. Webber e Ben dovranno operare la madre, mentre ad occuparsi del figlio saranno Stephanie, Alex e Jo.
Quest’ultima questa operazione diventa più difficile quando arriva in ospedale il padre del ragazzo e vengono a galla gli orrori del suo passato. Quell’“uomo” picchiava sua moglie, cosa che l’ha costretta a scappare con il figlio malato, ed è l’unica persona che può donare il rene a suo figlio dopo che la madre ha avuto delle complicanze.
Sinceramente mi aspettavo questa conclusione ma mi è piaciuto molto il modo in cui Jo ha affrontato la situazione, ha avuto la sfrontatezza di dir a quell’uomo di fingersi un donatore anonimo per non creare ulteriori problemi alla sua famiglia.


-Mi è piaciuto anche il modo in cui lei si sia aperta ad Owen, lui ha saputo capirla, aiutarla e sostentarla in questo momento difficile, ma non mi sorprende perché stiamo parlando di Owen, l’uomo più sensibile, fedele e umile della serie.
Non smetterò mai di dire che questo personaggio merita di più!

Il secondo caso, inizialmente, mi sembrava leggermente banale. Una ragazza schizofrenica arriva in ospedale e Riggs, Deluca e Maggie si occupano di lei. A primo impatto la ragazza sembrava una vagabonda così, tramite il pacemaker sottocutaneo, Riggs scopre il suo nome e contatta la sua famiglia.
È stato in quel momento che il caso ha smesso di essere banale ed è diventato veramente molto emozionate e interessante.
Quella ragazza era scomparsa 12 anni prima, i genitori non sapevano cosa fare, nessuno aveva sue traccie così persero le speranze e decisero di farle un funerale. Il racconto è stato molto toccante e Riggs era visibilmente coinvolto in tutto ciò, anche lui ha perso una persona che amava e capisce che per i genitori non sia facile convivere con la scelta di averla lasciata andare, di non aver avuto più speranza.
Tutto quello che diceva Riggs era indirettamente riferito a Megan, lui soffre ancora molto per la sua perdita e sono certa che una parte di lui si incolpa perché sta andando avanti senza di lei.


Se c’è una cosa che proprio non mi va giù, oltre alle frecciatine e alle battutine alle spalle di Eliza, è il modo in cui Jackson tratta April. Lui è un personaggio che mi è sempre piaciuto molto ma il suo orgoglio e la sua testardaggine spesso gli fanno fare cose infantili.
Aspetto con ansia la puntata dedicata ai Japril per vedere come finirà questa storia.

Prima di salutarvi vi ricordo di passare nella nostra pagina facebook Bleacheers e dalle nostre affiliate:
Grey’s Anatomy- La ruota non smette mai di girare, –Grey+Sloan Memorial Hospital, –Il mondo di noi addicted, –Grey’s anatomy nelle nostre vite,  –Viviamo a Seattle, –Noi, Greysanatomizzati. –We love Alex e Jo.  Un’Unica Passione: Grey’s Anatomy – We love grey’s anatomy,  –Grey’s My Only love, –You go, we’ll be fine. –Tu sei la mia persona., –GREY’S ANATOMY – LA NOSTRA VITA