La La Land

RECENSIONE La La Land

CINEMA RECENSIONI
Share

Bentornati a un nuovo appuntamento con la nostra rubrica di consigli sui prossimi film da andare a vedere, e oggi tocca proprio a La La Land!

La La Land è sicuramente uno dei film più attesi dell’anno, e a precederlo ci sono sicuramente le sette vittorie ai Golden Globes (tra cui miglior attore e attrice protagonista) e la più recente vittoria ai SAG Awards.
Candidato a ben 14 premi Oscar, La La Land è uscito nelle sale italiane giovedì 26 gennaio, ma è realmente un film per cui vale la pena andare al cinema o no?

Questo musical, con protagonisti Emma Stone e Ryan Gosling, è sicuramente un film innovativo, indipendentemente dal fatto che possa piacere o no.
È un film come pochi altri, curato nei minimi dettagli e strutturato in una maniera molto particolare.
Le riprese e le ambientazioni sono quasi assurde, trovandoci davanti ad un mix di stili che può confondere, ma che, nel contempo, crea un atmosfera surreale che ci accompagnerà per tutto il film.

La La Land

La maggior parte dei meriti va ai protagonisti perché senza la chimica che c’è tra i protagonisti, probabilmente molta della magia andrebbe persa.
I due, reduci da un altro film insieme, Crazy, Stupid, Love hanno dato ai loro personaggi quel pepe in più che serviva a rendere la storia meno banale e decisamente più interessante.
Dal mio modesto punto di vista, i premi vinti fino ad ora da questi due attori sono pienamente meritati, in quanto hanno dato veramente tutto.
Questo non è il solito ruolo in cui basta recitare e il gioco è fatto, in La La Land Emma e Ryan hanno fatto di tutto, dal ballo, di ogni genere, al canto.

E sono proprio questi due i punti di forza del film.
Le coreografie, ricordiamo curate da Mandy Moore, si adattano completamente ai momenti e contribuiscono a dare un ritmo ed una continuità alla serie, spezzando magari quei rari momenti morti.
A parer mio, la coreografia d’apertura è una piccola perla.

A livello musicale, non siamo molto distanti da quanto detto prima, infatti Gosling e la Stone sfoggiano delle abilità canore piuttosto buone, per due attori che non hanno mai fatto nulla di simile.
Le canzoni non fungono soltanto da background con un’importanza minore, ma hanno un ruolo fondamentale nella trama, infatti il collante tra i due protagonisti sarà proprio la musica.
E quando parlo di musica, mi riferisco anche alla musica suonata al piano da Ryan Gosling.
A molti è rimasto in mente il discorso indirizzato alla compagna ai Golden Globes, e credo che in questo ringraziamento, l’attore abbia sintetizzato a pieno il suo ruolo.
Non mi sarei mai aspettata un’abilità al piano così avanzata da lui, perché mi ha lasciata davvero stupita.
La presenza di John Legend non oscura per niente il ruolo degli attori, anzi, con il ruolo che interpreta ci offre una visione più ampia del suo stile musicale, infatti riveste un ruolo che poco ricorda le sue hit come All Of Me, anzi, si cala in un genere nuovo, ma che comunque gli calza a pennello.
La La Land è un film da non perdere, a tratti surreali, a tratti richiama i musical classici degli anni settanta/ottanta, combinato però con la più moderna tecnologia.
Da una parte il personaggio della Stone trasuda modernità da ogni poro, lo si vede in qualsiasi cosa, dall’altra c’è quello di Gosling che sembra quasi surreale, tanto è distante dalla normale modernità, sembrando a tratti un uomo proveniente direttamente dal passato.

Se si merita almeno uno dei quattordici Oscar? Assolutamente sì, per il semplice fatto che, film come questi, ne sono usciti veramente pochi, perché La La Land, nel suo briciolo di follia e irrealtà, è profondamente geniale.

Cosa aspettate, correte al cinema!


Per altre news come questa continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook. Se avete idee da proporci o se vi piacerebbe entrare nel nostro team, non esitate a contattarci!