Sherlock

RECENSIONE Sherlock 4×03

RECENSIONI SERIE TV Sherlock
Share

Chi mi troverà? Io sono perduta. Camminerai e un faggio troverai. Il vento dell’est saluta e prende me, sedici per sei fratello mio…

Non riesco a smettere di canticchiarla ed è particolarmente inquietante, ma che importa? Cosa ne sarà della mia vita dopo quest’episodio di Sherlock? Non ho ancora trovato una parola con cui descriverlo. Capolavoro? Assolutamente no. Deludente? A tratti. Mi è piaciuta? Decisamente.

Dopo 7 anni, forse è arrivato il momento di dire addio alla signora Hudson, al 221B e ai nostri “Baker Street boys”. Nonostante io non riesca ancora ad accettarlo sembra essere arrivati al capolinea. Forse è il momento di scendere dal treno e Moriarty apprezzerebbe sicuramente il gioco di parole.

Allora, direi di cominciare proprio da lui. Jim Moriarty è tornato. Seppur per una piccola scena, giusto il tempo di scendere da un elicottero e cantare, Jim è riuscito a farmi amare quest’ultima puntata. E’ morto, questo è certo e mi chiedo tutto il senso di TAB a questo punto, ma nonostante le tendenze suicide rimane secondo me il genio assoluto. Non credo fosse un giocattolo di Euros, piuttosto un complice, il co-conduttore di un grande gioco durato anni e finalmente (o purtroppo?) finito.

Voto: 100.

Certo che far incontrare un pazzo psicopatico suicida con una pazza psicopatica omicida non è stata l’idea migliore che Mycroft abbia mai avuto, ma forse ha anche pagato troppo per questo. Già con la sua fobia per i clown e l’ombrello-pistola super figo mi ha fatto una gran tenerezza, ma vederlo chiudere gli occhi durante la morte del direttore e cercare di provocare Sherlock per farsi uccidere al posto di John è stato assurdo.

Ho apprezzato davvero molto il suo personaggio in quest’episodio, ha mostrato il suo lato sensibile, ha mostrato il suo amore immenso verso suo fratello sapendo che non potrebbe sopravvivere senza Watson, non gli ha rivelato chi fosse davvero Redbeard, povero Victor, per risparmiargli le sofferenze e anche se in un modo particolare si è preso cura della sua “sorellina”. Dopo il “You reptile”, ha ripreso alla grande.

Voto: 9.

La sua sorellina, il villain della stagione, non l’ho ben capita. Esce da Sherrinford, seduce John, si traveste da Faith, prende il posto della terapista, spara un tranquillante a John, manda una bomba al 221 e torna a Sherrinford. Perché?! Credo che la parte di Euros sia stata trattata male, troppo veloce, troppe domande restano in sospeso.

Prepara un gioco con Moriarty, distrugge psicologicamente Sherlock, gli fa credere che John sia in pericolo e una bambina su un aereo stia per scontrarsi con una città e poi? Sherlock la trova rannicchiata in una stanza che piange e basta un abbraccio per sistemare tutto? Commovente, certo, ma mi aspettavo qualcosa di più.

Un personaggio inquietante al massimo sprecato, ma insomma almeno hanno provato a darci un lieto fine. Tutti gli Holmes appassionatamente insieme che ascoltano Sherlock e Euros mentre suonano. Quasi magico, direi, ma per niente soddisfacente. Dopo questo bel quadretto sembra proprio che non ci sarà un ritorno con una quinta stagione.

Voto: 7.

Parlando di quadretti, non posso far a meno che menzionare la scena con Sherlock, John e Rosie che giocano insieme: meravigliosi. John mi ha sorpreso, pensavo che ormai fosse andato e invece eccolo il mio soldato!!! Ha dato a Sherlock il supporto che gli serviva per continuare, anche se a volte sembrava una lagna, ma lui lo ama anche così quindi noi non possiamo fare il contrario.

In questa puntata ha solo rappresentato le debolezze di Sherlock, ha detto qualche frase sull’essere soldati ed è ritornato in un angolo. Purtroppo devo ammetterlo, i Mofftiss hanno toppato alla grande. Grande recitazione, grandi riprese, ma contenuto povero. Rispetto alla 4×02 è stato un totale fiasco, soprattutto per quanto riguarda John che passa dall’essere il protagonista al semplice aiutante. Ho apprezzato il riferimento a Mary durante il discorso col direttore, ma nulla di più.

Voto: 7 solo per essersi finalmente ricordato di avere una figlia.

Dulcis in fundo, Sherlock Holmes. Dopo 7 anni, abbiamo finalmente capito quale fosse il grande trauma collegato a Redbeard, ha detto per la prima volta I love you, anche se costretto. Ha dimostrato ancora una volta il suo amore per John, che chiama famiglia, e si sono riuniti come ai vecchi tempi. Adesso gli Holmes sono al completo e lui sta finalmente bene. Lo vediamo all’inizio della serie, solo che frusta cadaveri, e poi lo rivediamo così, con una famiglia finalmente riunita, un migliore amico e una bambina e tanti altri amici che lo amano davvero.

“E’ un bravo uomo” così Gregg conclude la stagione, sottolineando il grande cambiamento di Sherlock, assolutamente perfetto. Ho amato le scene di confronto tra il piccolo Sher e il grande. Ho provato un mix di emozioni vedendo come metteva insieme i pezzi del suo passato e alla fine ci hanno anche fatto capire cosa centrasse tutta quell’acqua delle foto promozionali. Su Sherlock non posso che essere soddisfatta, sanno sempre come trattarlo, sempre in character e ben inquadrato. Forse è arrivato il momento di una gioia anche per lui, ma mi chiederò sempre cosa diceva John in quel biglietto della 4×01.

Voto: 9.

Insomma, siamo arrivati anche alla fine di questa recensione su Sherlock. Il nostro viaggio finisce qui, si spera solo per ora. Probabilmente, nonostante non sia andata come speravo, porterò questa serie nel cuore sempre. E’ riuscita a tenerci incollati allo schermo per 7 anni, nonostante le lunghe pause, e non è semplice. Fatemi sapere cosa ne pensate e cosa vi mancherà di più del nostro Sherlock, e ricordate sempre cammei vaticani!

Un saluto alle pagine affiliate Sherlock ItalySherlock – ItaliaSherlock Italia Vatican Cameos .