RECENSIONE 1×03 Gilmore Girls: A Year In The Life – Summer

Gilmore Girls Netflix RECENSIONI SERIE TV
Share

Terza puntata di Gilmore Girls: A Year in the Life. Estate.
Confesso che fino a venerdì ero ansiosissima di poter recensire questo revival, che praticamente CHIUNQUE ha aspettato per ben 8 anni, ma quando ho visto quello che hanno combinato mi è venuta voglia di scrivere solo per capire in quanti la pensano come me e perché no, sfogarmi a dovere su quello che è stato un disastro su quasi tutta la linea.
ATTENZIONE SPOILER!
Io vi ho avvisati…
Dunque. Ammetto che rispetto a “Inverno” e a “Primavera”, qui le cose si sono smosse e la puntata è stata più carina. Certo… se non fosse stato per quel musical.
Ora. Io non so come abbiano potuto mettere in piedi una cosa simile, che ha sì accentuato la famosa strambitudine di Stars Hollow, ma che mi ha veramente fatto storcere il naso.
Minuti interminabili di canzoncine idiote rubati alla storia e di cui avrei volentieri fatto a meno.
Sutton Foster è stata la protagonista di questo siparietto e per quanto trovi che abbia una voce splendida, non sono riuscita a non pensare all’intervista di qualche mese fa, in cui si rivelava felicissima per essere entrata nel cast di una serie tanto amata. Per la parte che le hanno dato, io avrei anche detto di no.
Per quanto non abbia adorato quel momento, però, la canzone che ha cantato e in cui Lorelai si è ritrovata è stata d’effetto. Aveva poco  del modus operandi di Gilmore Girls, ma mi è piaciuto, nonostante tutto.
Ma cosa è successo a Lorelai? La morte di Richard ha lasciato un vuoto anche in lei, come era giusto che fosse, e dopo la triste parentesi delle madri surrogate, del lento declino del Dragonfly Inn e del libro di Rory, decide di concedersi una piccola fuga, che spera possa aiutarla a chiarirsi le idee….
Bel colpo basso quello di Michelle, che le annuncia di volersene andare per lavorare in un grande hotel. Forse non avevamo mai visto Lorelai e Michelle in queste vesti.. mi sono piaciuti tanto, anche se non potevo crederci quando l’ho sentito parlare!
E la scomparsa di Sookie? Molto poco da Sookie.
Teatrino di cui avrei fatto volentieri a meno è stato il ritrovo della Brigata della Vita e della Morte. Ora.. è stato bello rivedere Colin, Finn e l’altro tizio di cui non ricordo il nome ma COSA ERA QUEL BALLETTO.
C’era davvero bisogno di farli quasi cantare, giocare e correre come dei dodicenni, per poi finire in un club di tango (???????) e approdare in quell’hotel dove, inesorabilmente, Rory si concede DI NUOVO una notte con un Logan fidanzatissimo?
No… tutto questo “remember Yale”era una bella idea, ma l’hanno trasformato in uno spettacolino da Broadway dei poveri. Tutto alquanto forzato e poco credibile.
Anche se è stato carino (?) l’addio di Logan…


Altra chicca della puntata: il ritorno di Jess.


Chi mi conosce sa bene che io non sopporto molto Milo Ventimiglia e che di conseguenza ho sempre poco amato il personaggio di Jess. Tuttavia, ho riconosciuto anche in passato che lui sia forse stato l’unico capace di smuovere Rory (ricordiamoci come l’ha riportata sulla retta via quando aveva lasciato Yale dopo l’insulso parere del padre di Logan) e anche stavolta c’è voluto lui per darle la scossa. Hai perso l’occasione di fare quello che vuoi? Bene, riparti. Sai scrivere. Scrivi. Scrivi di quello che sai. Di te e tua madre.
Allora, per quanto banale, trovo che sia stata un’idea magnifica, ma ho subito pensato che Lorelai non l’avrebbe vista in questo modo e avevo ragione. Come darle torto, in effetti.
Ha passato tutta la sua vita a proteggere Rory da tutto e lei vuole spiattellare la sua vita e i trascorsi della famiglia al mondo intero… comprensibile se la sia presa, anche se quella scenata al cimitero… no.
Altra nota stonata è stata quella cosa dei “sudditi” che affiancano le Gilmore a inizio puntata: l’ho trovata alquanto ridicola, anche se Rory che si fa chiamare Khaleesi è stata una bella mossa… (Game of Thrones rules).
Caruccia la scena con l’ormai 22enne-fattona April (che vediamo per ben 2 minuti!) e il suo rapporto con Rory e Lorelai. Andava TUTTO approfondito, ragazzi… se lo meritava!
Altra cosa NI è stata Rory che accetta di diventare redattrice della Gazette di Stars Hollow che rischia di chiudere… non è che un’altra via di fuga che la ragazza si concede, ritrovandosi ormai senza troppe prospettive e senza radici.


Il grande SI è invece per Emily Gilmore, che anche in Estate non si è smentita. Continua a sorprendermi la bravura di Kelly Bishop e l’autorevole dolcezza che ha sempre caratterizzato Emily.
In Estate, Emily accetta di “frequentare” un vecchio amico di famiglia, cosa che le gioverà molto e la tirerà fuori dall’empasse in cui era finita dopo la scomparsa del marito, ma che causerà la “ridicola” gelosia di Lorelai… ha diritto anche lei di voltare pagina!

Cosa ne abbiamo capito finora, dunque?
Beh, dirò la mia sull’intero revival, prima di passare la parola alla mia collega Sara che si occuperà di “Fall”.
Rory: potrei sproloquiare per ore dicendo quanto STUPIDO  sia diventato il suo personaggio. Senza dubbio rappresenta gli odierni trentenni, pieni di dubbi sul loro futuro, ma più che una trentenne sembrava una ventenne. E’ fidanzata da DUE ANNI con un tizio di cui si dimentica in continuazione, non ha una casa fissa, snobba i lavori che le vengono offerti e si mette a fare l’amante di un Logan prossimo alle nozze.
NO. Credo che Rory mi sia effettivamente piaciuta solo nella prima stagione ma qui siamo alla frutta. L’ho trovata un po’ “facile” e troppo sicura di sé, anche se le lodi perenni della sua famiglia non l’hanno aiutata troppo. Ragazzi, basta. Rory è intelligente e quindi? Non ha niente di più di qualunque altra ragazza della sua età!


Lorelai: davvero voleva rivolgersi ad una madre surrogata? Fa così poco Lorelai. E la sua fuga? E’ stato giusto? Beh, diciamo che dipende dai punti di vista. Potrei dire che siamo sempre punto a capo, Lorelai continua a scappare dai problemi anche ora che ha la veneranda età di 50 anni, oppure potrei dire che è stato giusto, perché forse le serviva staccare un attimo la spina per capire che quello che voleva era sempre stato lì, sotto i suoi occhi. Luke, il Dragonfly e sua figlia.
Unica nota di non sense? Il fatto che abbia lasciato Luke in quel modo e che non si sia sentita con Rory per tutto il tempo. Ma scherziamo? Nessuno dice niente? Faceva tanto sesta stagione…
Ma promuovo il matrimonio!

Emily: è andata avanti ad elaborare il suo lutto senza mai cedere. Dopo aver sclerato, cercando di dare via qualunque cosa non le desse gioia, si è aperta alla sua nuova vita, e lentamente è sbocciata, concedendosi di mollare la presa per un po’, diventando più tollerante anche nei confronti della nuova servitù…
Molto bello il momento telefonico con Lorelai, che la chiama in lacrime raccontandole l’aneddoto del suo compleanno con suo padre. E’ proprio in quel momento, a mio parere, che lei perdona sua figlia per aver disonorato Richard durante il funerale (mai vista una cosa simile. NO). Promossissima.
Meraviglioso quanto TUTTI hanno fatto per ricordare Richard/Edward. E’ stato bellissimo e importante, Richard era la colonna portante della famiglia e meritava di essere ricordato a dovere.
Luke: solo a me è sembrato un po’ messo da parte e fin troppo accondiscendente?
Jess: su, è ancora innamorato di Rory e farà la fine di Luke. Perennemente incastrato con una Gilmore che nemmeno si accorge di lui.
Logan: io proprio non mi possono scordare l’ultima puntata della settima stagione, quindi non ha avuto il minimo senso tutta la storia con Rory. E’ tornato il figlio di papà che fa tutto quello che gli si dice, hanno annientato quel poco di lui che ancora mi piaceva e che lo aveva fatto crescere. ANCHE NO.
Sookie: assurdo che potesse lasciare Lorelai così.. Amy, non dovevi farlo.
Lane e famiglia: i gemelli potevano inquadrarli un po’, Zach si è mangiato il vecchio Zach ma il sound della band c’è ancora!
Paris: non l’avrei vista per niente con quel lavoro ma è sempre lei. La amo. Anche se doveva restare con Doyle.
Kirk: FAVOLOSO.
Cittadini: Altrettanto.
Dean: molto bello l’angolino che gli hanno dedicato. Pochi minuti ma ben fatti, hanno chiuso il cerchio. Ora è sposato e ha mille figli. Beh, quello che ha sempre desiderato!

Berta: ha portato una ventata di allegria in questo caos.
Christopher: mi è quasi piaciuto, anche se la sua rassegnazione quando ha detto che non c’è mai stato spazio per lui nella famiglia poteva risparmiarcelo. Tutto sto discorso per farci intuire che Rory stava ricadendo esattamente nel circolo vizioso di sua madre…
Le ultime 4 parole. Ci stavano. Assolutamente. Se solo avessero sviluppato la storia del revival in modo diverso.
Bene, la smetto di annoiarvi, ho detto la mia… vi fatemi sapere cosa ne pensate!

Un grazie a Traduttori Anonimi che con i loro sottotitoli ci allietano le giornate e continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook e se avete idee da proporci, non esitate a contattarci!!