scream queens

RECENSIONE Scream Queens 2×05

RECENSIONI Scream Queens SERIE TV
Share

Hello idiot hookersDopo quasi un mese di pausa, passato Halloween, ritorna nelle nostre vite Scream Queens con delle interessanti svolte, quindi ritorniamo a parlare di trash!

Grazie al suo senso di stronzetta, Chanel si rende conto che Chanel #5 è in pericolo, trovandola così accasciata in una pozza di sangue vicino ad un’ormai morente Denise Hemphill. Così come da copione, le nostre amiche stanno per coprire il tutto gettando il corpo dell’Agente Speciale nella palude, ma la Munch cambia idea quando si rende conto che il Green Meanie ha fatto fuori tutti i ricoverati della festa di Halloween, chiamando la polizia.

Inaspettatamente, lo scandalo riportato dai giornali si trasforma in pubblicità gratis rivolta a tutti colori che sono dei casi irrisolti medicalmente. Con il C.U.R.E super pieno le nostre Chanels prendono la palla in balzo, reclutando delle nuove schiavette, così come facevano alla KAPPA KAPPA TAU, includendo anche Hester, così da avere tra di loro un serial killer capace di capire quale sarà la prossima mossa del mostro. Questo nuovo arrivo di reclute non serve soltanto per appagare i servigi di Chanel #5 tutta acciaccata, ma anche per fare da esche e mandarle letteralmente a morire non appena il Green Meanie è nei dintorni.

Così come se fosse il programma delle Pussycat Dolls (se non lo conoscete, andate a vederlo) alcune delle pazienti diventano le nuove Chanels: Chanel #7 (una ragazza super alta), Chanel #8 (un aspirante youtuber con una paralisi facciale) e Chanel Pour Homme (uno stalker, fan di Chanel, che finalmente riesce ad entrare nella cerchia. Naturalmente è gay.).

Nel frattempo, l’unica che si interessa del passato dell’ospedale è Zayday, che dopo aver scoperto che Chamberlain non è un volontario della clinica, ma solo un tipo che passa le sue giornate a girare con un carrello tra i vari reparti, con il computer alla mano, la nostra amica crede che l’uomo in questione sia in realtà il figlio della donna vista nel primo flashback della serie, che, con fare vendicato, si vuole infiltrare nel C.U.R.E per scoprire qualcosa in più sulla morte di suo padre. Caricata Chanel #5 in macchina, la porta a casa della donna in questione per scoprire qualcosa di più a riguardo. Dopo aver parlato con la signora, la quale dichiara di non avere contatti con il proprio figlio, le due se ne vanno, convinte che la donna menta, poiché Chanel #5 vede una foto della donna col suo defunto marito che era di colore, confermando così (sempre a parer loro) che lei sia la madre di Chamberlain. Peccato che non sia così.

Per vedere se effettivamente il Green Meanie cade nella trappola delle nostre Chanels, viene organizzato un pigiama party nella clinica e, anche se viene mandata Chanel #8 al patibolo (senza che lei lo sapesse), finisce sotto la lama del mostro Chanel Pour Homme, finendo così aperta in due letteralmente.

La Munch viene a conoscenza di tutto il quadretto e, con estremo stupore sia delle ragazze che mio, approva tutto. Io ero sbalordito, il trash non ha mai fine in questa serie.

In questa puntata ho notato che la trama si è rallentata: in particolar modo, lo studio del passato della clinica si è soltanto mosso nella scoperta di chi fosse il figlio, e non di chi c’è sotto la maschera. Certo, mettendo le carte su un tavolo, probabilmente saranno la stessa persona, ma chi può dirlo? Nonostante la trama sia vista e rivista, si tratta sempre di scoprire chi c’è sotto la maschera, e sopratutto se ne è uno solo o più.

Comunque sia, i dottori sono impegnati con uno strano caso di una donna, esponente dell’ONU, che dopo essere scivolata, il suo modo di parlare cambia costantemente, fiorendo in vari dialetti. La cura è semplice: steroidi. Questo però lo si scopre dopo che la malattia diventa virale, prendendo anche Chanel #3, il dott. Holt e il dott. Cassidy.

Con qualsiasi accento i dottori sono sempre sexy, sopratutto con quello inglese alla Sherlock Holmes.

Se Chanel #3 e il dott. Holt decidono di aggiustare la cosa passando il week-end per la risolvere la cosa, il dott. Cassidy dice di aver un altro impegno, ed effettivamente lo troviamo che va a mangiare a casa della madre, e guardate un po’ è la stessa signora del flashback iniziale, la stessa signora che ha avuto la faccia tosta di negare l’esistenza di un qualsiasi contatto col figlio.

Con questo alone di mistero che avvolge il bellissimo dott. Cassidy io vi saluto e vi lascio come sempre con il trailer del prossimo episodio:

E continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook. E non dimenticate che se avete idee da proporci o se vi piacerebbe entrare nel nostro team, non esitate a contattarci!