RECENSIONE American Gothic 1×09

American Gothic RECENSIONI SERIE TV
Share

Rieccoci anche questa settimana con una nuova puntata e quindi con una nuova recensione!
Vediamo insieme cosa è successo nella 1×09 di American Gothic.

Insabbiare è facile, essere scoperti lo è ancora di più.

L’episodio è completamente incentrato su Garrett, che adesso si trova in prigione perché accusato di essere il complice del Killer delle Campanelle d’Argento. I salti nel passato sono tanti, partono dal 2002 ovvero quando il primogenito degli Hawthorne va via di casa per poi vivere tra i boschi. Qui difatti facciamo anche la conoscenza di un giovane Garrett, alle prese con la vita selvaggia e la sua totale inesperienza nel campo.

Il primogenito, in principio viene aiutato da un signore di nome Jenkins che se all’inizio decide di farlo allontanare sparandogli contro una freccia (cosa alquanto insana di mente), decide di seguirlo in questa sua nuova avventura, insegnandogli anche a cacciare.

Tra le scene di lui che vive nella natura c’è un velo di malinconia, quasi come se lui fosse lì non perché vuole, ma perché deve. Col passare degli anni si ambienta e stabilisce anche un contatto con Tessa, prima spiandola mentre la famiglia è nella casa al lago, poi lasciandole un bigliettino con un numero, giusto per dirle un sincero ma breve “mi manchi“.

Nel frattempo, il Garrett del 2016 affronta la vita del carcere tranquillamente, e la cosa strana è che gli scioglie anche il cuore sparando “ti voglio bene” a tutti i suoi familiari, manco dovesse andare sulla sedia elettrica. L’unica però che non è convinta della sua innocenza, è la stessa Tessa, colei che lo amava e che lo ammirava. La dolce maestrina ha un sospetto sul fratello e sul fatto che ha deciso di non parlare con nessuno della faccenda, ingaggiando anche un avvocato, rispondendo alla questione con frasi ironiche o ricordi smielati.

A dirla tutta, questo Garrett non mi piace tanto, il suo essere così dolce mi infastidisce perché chi non è colpevole, non è così tranquillo. Mettiamoci anche che in alcuni spezzoni si intravede lui a 16 anni nella sua camera con un coltello insanguinato e sporco di fango e col fiatone.
Per quanto mi riguarda lui c’entra, altrimenti perché partire? Sarà tutta una messa in scena?

Alison decide di tenere sotto ricatto la giornalista che ha incastrato, chiedendole di umiliare pubblicamente il suo avversario, attuale sindaco, in modo tale da prendere più punti per la sua campagna elettorale, e allo stesso tempo promette al fratello in tuta arancione di farlo uscire da lì il prima possibile.

Anche il piccolo Jack decide di andare a trovare lo zio in carcere e se da un lato gli porta un disegno del batterio che ha diffuso la peste bubbonica (che cosa inquietante, aiutate sto bambino), dall’altra gli dice che ha visto la sua ex ragazza in ospedale, nel reparto di ginecologia.
E qui scatta la lampadina.
Poco prima di entrare in galera e prima che Christina lo pugnalasse (quanto amore) i due sono andati a letto insieme e non solo una volta. La matematica non è mai stata un’opinione e a meno che lei non sia andata a letto con qualcun altro, la giovane infermiera è incinta e quindi Garrett sta per diventare padre.

E se prima il fatto di stare chiuso in una cella non gli importava, ora deve uscire, e di corsa pure.

Anche se il finale è stato dedicato a Garrett che vede morire (o che aiuta) il proprio amico Jenkins tra le sue braccia, ritorna al centro dell’attenzione la nostra cara giornalista, Jennifer, che durante il servizio delle cinque invece di lanciare qualche scoop, la telecamera la inquadra legata ad una sedia, impaurita, dove è chiaramente in ostaggio e dice di non dover cercare più il complice del KCA. Se mi è passato per la mente solo un nanosecondo che fosse stata Alison a mettere su una scenetta per far uscire il fratello, la giovane repoter poi muore, e sul tavolo si intravede una piccola campanella d’argento. Che sia ricominciato il giro degli omicidi? È solo un avvertimento o un ritorno dell’incubo? E allora Garrett è davvero innocente? Se è così perché non parla, è coinvolto lo stesso in tutta la faccenda?

Comunque sia non è stato ancora svelato uno dei grandi dilemmi di questa serie: Garrett perché è andato via?

Cosa ne pensate di questo episodio? Fatecelo sapere! Alla prossima!

Vi ricordiamo di passare dalla nostra pagina Facebook Bleacheers e non dimenticate che stiamo cercando membri per ampliare il nostro staff e, chi lo sa, magari sarete i prossimi a recensire uno dei nostri show! (trovate tutti i dettagli sulla pagina Facebook).

A cura di
Joe