Recensione American Gothic 1×04

American Gothic RECENSIONI SERIE TV
Share

Nuova settimana, nuovo episodio: ecco a voi la recensione della 1×04 di American Gothic!

Insabbiare è facile, essere scoperti lo è ancora di più.

Col passare degli episodi, devo ammettere che questa serie sta iniziando a prendere una propria forma e un proprio ritmo. Le cose succedono e basta, e per conoscere la ragione di determinati atteggiamenti da parte dei personaggi, dobbiamo sempre aspettare la puntata successiva e quell’atmosfera malinconica che circonda gli Hawthorne, rende il tutto ancora più misterioso.

Ricordate il finale della scorsa settimana? Vi dice niente un giardiniere impiccato nella serra? Ecco, perfetto, mentre la polizia arriva sul posto per fare delle indagini, mamma Hawthorne avvisa sua figlia, Alison, mentre lei è occupata con Naomi

Bel modo di cominciare la puntata alla 50 Shades of Grey, giusto?

Tessa continua a non fidarsi di Brady che, dopo aver preso la sua spazzola senza il suo permesso per far analizzare il DNA e scagionare gli Hawthorne, continua ad essere arrabbiata con lui. Quest’ultima, insieme alla madre e alla sorella Alison, decide di non dire nulla alla polizia e quindi al marito della dolce maestrina, riguardo le campanelle del Killer delle Campanelle d’Argento che sono scomparse e che sia stato proprio Gunther a toglierle di mezzo. Sta di fatto che, secondo i ragionamenti della polizia e secondo  quanto dice Madeline, era proprio quest’ultimo il killer e che, preso dalla paura di essere scoperto e quindi messo in prigione, si sia suicidato. Ma è stato davvero un suicidio? O un omicidio montato o, per lo meno, un suicidio forzato? Come faccio a fidarmi di una donna che ha ucciso il proprio marito? EH?

Mentre Jack è al campo estivo, Cam e Sophie si divertono tra sesso e droghe di ogni tipo. Ed è in questo punto che io mi chiedo: perché Cam? Sembravi così determinato nei primi episodi nel non ritornare con la tua ex moglie, e di non rifare abuso di droghe, quindi ora mi spieghi perché lo stai facendo di nuovo? Che cosa è? Capisco che ognuno di noi ha il proprio modo per metabolizzare un lutto, ma non puoi farlo facendoti pestare da un tipo grosso il doppio di te, solo perché la tua dolce compagna di sniffate gli deve 4 mila dollari. Resto basito nel vederti buttare via la vita.

In tutto ciò, Garrett continua con il suo stalkerare la gente e, dopo essersi tagliato di proposito per farsi medicare dalla giovane donzella che stava pedinando, si viene a sapere che la ragazza in questione è la figlia di una delle vittime del KCA. Interessante e… inquietante. Cosa vuole da questa ragazza? Perché la segue e perché ci va a letto insieme? Mi fa male la testa con tutte queste domande, aiutatemi.

Ritornando al nostro detective Brady, la sua collega lo accusa di aver falsificato il test della spazzola di sua moglie poiché con un secondo esame risulta essere ispanica (olè!), cosa chiaramente non vera. Dopo aver patteggiato con la tipa della scientifica per far coprire la cosa, Brady scopre che sua moglie ha messo appositamente dei capelli non suoi, perché sapeva che il marito sarebbe andato a far esaminare quel maledettissimo DNA senza il suo consenso. Preso dalla collera per dei sensi di colpa infondati, il poliziotto minaccia sua moglie di sbatterla in cella lui stessa se mai dovesse scoprire che è coinvolta nella questione KCA. 

Che bella la vita coniugale, eh?

Puntata che finisce con un grandissimo WTF stampato in fronte, dove Garrett è a casa della sua nuova fiamma, a torso nudo, per una notte di passione, ma mentre si sta spogliando stringe più del dovuto la sua cintura. Quasi come a richiamare un qualcosa del passato… sarà un vizio di famiglia?

Per questo episodio è tutto, alla prossima!

Continuate a seguirci su Bleacheers e ricordate che stiamo cercando membri per entrare nel nostro staff, chi lo sa, magari sarete i prossimi a recensire uno dei nostri show! (trovate tutti i dettagli sulla pagina Facebook).

A cura di
Joe