“King Arthur:Legend of the Sword”: diamo una prima occhiata ai protagonisti.

CINEMA NEWS
Share

Qualcuno per caso si aspettava che l’autore da rissa da pub Guy Ritchie (Snatch) ci avrebbe regalato un futuro Re onesto e campato per aria? Certo che no. In King Arthur: Legend of the Sword (in uscita nei cinema il 24 Marzo 2017), Re Artù è sporco, malandato e robusto.

E anche se Charlie Hunnam fosse in grado di estrarre una spada da una roccia per iniziare il suo viaggio verso il trono, il suo Arthur è un tantino più “di strada” dei suoi predecessori. “E’ un po’ rude ma è fondamentalmente un sopravvissuto” ha detto Hunnam “C’è sicuramente un triste vantaggio, difficile da capire, per le persone”.

Questo suo lato gli verrà utile per fronteggiare lo zio tiranno, Vortigern (interpretato da Jude Law), che tirerà fuori un bel po’ del suo carattere da bad boy, costringendolo a difendersi.

E con l’omicidio di suo fratello, il padre di Arthur, Uther Pendragon (Eric Bana), l’usurpatore del trono Vortigern farà più di quanto sia necessario per guadagnarsi l’ira di suo nipote ma è meglio ricordare che lui dispone di poteri magici mortali che potrebbero consentirgli di avere il sopravvento.


Quindi King Arthur: Legend of the Sword  è un mix tra alto fantasy e Lock, Stock – Pazzi Scatenati. Non è chiaro se Ritchie ci regalerà qualche scena di lotta a mani nude ma probabilmente sì, giusto per rendere tutto ancora più vero.

Charlie Hunnam è meglio conosciuto per aver interpretato il tormentato biker Jax Teller nella serie tv di FX Sons of Anarchy. Al suo fianco, come già detto, troveremo il bellissimo Jude Law, Eric Bana e Àstrid Bergès-Frisbey.

Il prossimo 23 Luglio la Warner Bros porterà il cast del film al Comic Con di San Diego e sicuramente almeno Charlie sarà presente!

Chi come me non vede l’ora di vedere il film??

Continuate a seguirci su Bleacheers e ricordate che stiamo cercando membri per entrare nel nostro staff, chi lo sa, magari sarete i prossimi a recensire uno dei nostri show! (trovate tutti i dettagli sulla pagina Facebook).

A cura di
Denise


Fonte