RECENSIONE American Gothic 1×03

American Gothic RECENSIONI SERIE TV
Share

Nuovo episodio, nuova recensione: ecco a voi la 1×03 -“Nighthawks” di American Gothic!

Insabbiare è facile, essere scoperti lo è ancora di più.

Puntata abbastanza semplice, con passaggi inquietanti ma anche (molto) importanti.

In questo episodio gira tutto intorno alla cintura, alla sua provenienza e appartenenza. Da quel che sapevamo, la cintura apparteneva a Cam, quindi l’episodio si era concluso con questo grande punto interrogativo stampato sulla fronte (mia e di tutti). Sbattendosene altamente della cintura e della questione del killer, Alison organizza una festa con la sua lesbo-consigliera, inserendo tra gli invitati uno sportivo/emergente politico per farsi la bella faccia e farsi eleggere sindaco (ancora un po’ e vuole anche diventare la più bella di tutto il reame, neanche fosse la matrigna di Biancaneve).

Il dolce e figo Brady dice a sua moglie Tessa di volere un campione del DNA di suo cognato, affinché possa scagionarlo da false accuse (e dalla proprietà della cintura), ma lei glielo nega poiché, dopo una riunione della tavola rotonda, improvvisamente tutti pensano che sia Gunther il Killer delle Campanelle d’Argento, il giardiniere (grazie a mamma Madeline). Afflitto, se lo cerca da solo, all’oscuro della moglie, prendendo una sua spazzola.

Ci sono stati sviluppi importanti per un personaggio messo in secondo piano nonostante la sua particolare passione per i cadaveri: Jack. Dopo aver rinchiuso una bambola dentro la gabbia per la caccia ai procioni (grazie ancora Gunther), suo padre Cam decide di mandarlo in terapia, dalla stessa psicologa che lo seguì durante l’adolescenza. Fino a qui tutto ok, ci sta che un bambino quando ha degli atteggiamenti strani venga seguito da qualcuno, se non fosse per il fatto che la seconda volta (e sottolineo seconda) porta con se la bambola (quella rinchiusa nella gabbia) con una dentiera al posto della labbra disegnate sul volto di pezza. So creepy.

Cam, poco dopo realizza che quella stessa terapista ha le registrazioni delle sue sedute e che deve eliminarle a tutti i costi, per alcune cose che ha detto (c’entra per caso la cintura?).

Sono rimasto perplesso di come alcune scene siano andate avanti velocemente, e a quanto ho capito è proprio questo lo stile che vedremo nei prossimi episodi e la cosa che mi incuriosisce di più è: perché adesso sono cadute improvvisamente tutte le accuse su Mr. Hawthorne? Perché adesso è tutto incentrato su Cam? E, sopratutto, Garrett perché continua ad essere così inquietante e si mette a stalkerare la gente EH?!?

La puntata procede tranquillamente, conosciamo anche la vecchia fiamma di Garrett, Molly, che lui ha lasciato improvvisamente proprio quando andò via da Boston. I due parlano, finiscono quasi per andare a letto insieme, ma lui s’incazza perché la donna è troppo invadente e fa troppe domande alla vista della sua schiena nuda, piena di cicatrici.

Mentre i minuti scorrono, mi rendo conto che comunque manca qualcosa, un dubbio continuo che mi fa dubitare dei personaggi e inizio a pensare che tutti, ognuno di loro, ha un segreto simile a quello del proprio familiare ma che, allo stesso tempo, tengono per se stessi.

Arriva il rivale di Alison con delle foto che ritraggono Cam mentre entra illegalmente nello studio della terapista per eliminare le registrazioni (grazie Sophie per la password :D) e praticamente gli dice: “O mandi tutto all’aria o domani ti sputtano su tutti i giornali dicendo che tuo fratello è un ladro“. La povera Alison salva il fratello, ma viene poi pugnalata da suo marito che acquista la compagnia di famiglia a sua insaputa, messa in vendita dalla suocera.

E niente, mai una gioia, fino a quando non va a letto con la sua consigliera (aka la brutta copia di Jennifer Houston). Che bella giornata, proprio una bella giornata.

La puntata è quasi finita e, dopo aver visto che Cam nei video delle sue sedute dice di voler parlare di un cadavere (WHAAAT?!), non mi aspetto nient’altro di sconcertante.
E poi Tessa e la madre trovano Gunther impiccato nella serra, con un foglio al suo fianco con su scritto ‘mi dispiace‘.

Eh, anche a me.

E voi? Cosa mi dite di questa puntata? Vi aspettiamo la prossima settimana!

Continuate a seguirci su Bleacheers e ricordate che stiamo cercando membri per entrare nel nostro staff, chi lo sa, magari sarete i prossimi a recensire uno dei nostri show! (trovate tutti i dettagli sulla pagina Facebook).

A cura di
Joe