RECENSIONE The Night Shift 3×04

RECENSIONI SERIE TV The Night Shift
Share

The Night Shift è una signora serie, e non merita sicuramente un posto nelle serie estive, perché merita molto di più.
Detto questo, che episodio gente, che episodio!

Insomma, è stato fantastico a 360 gradi, perché nonostante abbia trattato un tema piuttosto comune, già trattato in mille altre serie, è riuscito a dare una chiusura totalmente differente e nuova, diversa dalle solite cose già viste e riviste.
Gli episodi di questo genere sono sempre belli, ma The Night Shift ci ha messo del suo per non essere uno dei tanti episodi nella massa, distinguendosi dalla solita dinamica nero-poliziotto-ingiustizia.

Davvero, quest’inverno ho avuto l’occasione di vedere un episodio con sfondo simile, peraltro fatto anche abbastanza bene, ma questo mi ha colpito particolarmente, sia per tutte le opinioni che sono state messe sul tavolo sia, appunto. per i risvolti.
Nonostante gli ascolti nettamente più bassi rispetto alle passate stagioni, questa serie vince senza alcuna remora il suo slot, e ciò mi fa ben sperare, insomma, so che queste cose vanno per le lunghe, ma io spero nel rinnovo, presto o tardi.

Prima parlavo di opinioni, e tutti ne hanno espressa una in modo più o meno marcato, ma chi è rimasta completamente neutra o quasi, è stata Jordan.
Ammiro davvero il lavoro svolto dalla nostra dottoressa, considerando tutti i pazienti uguali e impuntandosi per fare i suoi accertamenti.
Credo che Jordan lì in mezzo, sia quella caratterialmente riuscita meglio, perché riesce a rimanere calma in ogni situazione, insomma, non ha ancora spaccato la testa a TC, è decisamente pacata la ragazza.
Credo che il pregio di questa ragazza, sia fare le cose giuste al momento giusto, non so, è uno dei dottori che mi trasmette più empatia tra tutti quelli del S.Antonio, ha un buon rapporto con tutti, non maltratta nessuno, richiama quando necessario, insomma è una santa, basta.

                                                                Shift Shift

Che poi, vorrei ricordarvi che Jordan è colei che ha fatto approdare Shannon Rivera al S.Antonio e quindi nel nostro The Night Shift.
Più passano le puntate, più a me sto personaggio piace.
Dovrebbe essere la più piccola del gruppo, ma in realtà è tra le più scaltre, basti guardare l’astutissima mossa per togliere Toph dai guai e per aiutare il bambino, in quanti ci sarebbero arrivati?
Che poi, anche lavorativamente parlando, la ragazza impara in fretta, sta al passo di Drew in pieno esaurimento, che dire, va lodata a pieno.

Parliamo proprio di Drew, siamo alla quarta puntata e lui ci continua a nominare Rick, ma del nostro amico nemmeno l’ombra, che tristezza…
Non so perché, forse sono semplicemente io che ricordo male, ma in questa stagione vedo Drew con una mentalità strettamente militare, ormai ragiona soltanto su quel frangente, in qualsiasi caso.
Saranno i traumi post guerra, ma credo che a tratti questa cosa possa risultare pesante, un paio di puntate va bene ma tutta la terza stagione di The Night Shift no dai, fate fare altro a questo benedetto ragazzo.
Non che questa parte militare mi faccia schifo, ma si rischia di stereotipare il tutto.

L’altro che una volta era militare e ora si diverte ad andare a zonzo con la SWAT è TC, che in queste cose ci sguazza a meraviglia.
È proprio il suo territorio quello, specialmente quando si trova in questi casi intricati dove devi scegliere la cosa migliore, che spesso non piace a tutti.
Di TC ho apprezzato che si sia immolato per entrambe le vittime e non è stato particolarmente di parte, anche perché, visto il finale, c’era ben poco da esserlo.
TC, va detto, regala anche gioie in fattore ship, perché se lui e Jordan si scambiano una battuta per episodio, beh state tranquilli che ve li farà shippare comunque, non c’è proprio storia.

Shift

Kenny, a dire il vero, non mi è piaciuto particolarmente, anche perché sono io o ha cambiato modo di parlare stile nero del ghetto?
Già a me questo personaggio piace poco, quando fa l’isterico poi è ancora peggio, io dico, prendersi lui e lasciarci Ragosa? Anche Krista mi sarebbe andata bene, giuro.

Al contrario, piccolo Paul mi ha stupito, diciamo che ho visto un principio di attributi, e bravo il nostro chirurgo! Nonostante sia estremamente viziato dal padre, sul campo mi è piaciuto, specialmente per come ha “affrontato” i contestatori, non me lo sarei mai aspettata da lui, che dire, sorpresa!
Io la vedo in questo modo, credo che Kenny sia il classico ragazzo di colore che pretende di vedersi come vittima mentre a Paul poco importa, non so, è stata una mia sensazione a pelle.

Concludo con Topher che, fino ad un certo momento è stato bravo a gestire la situazione, ma poi deve soltanto ringraziare Shannon per avergli salvato la faccia.
Credo che questo sia un personaggio con molti alti e bassi, speriamo trovi un suo equilibrio, d’altronde sarà il capo per un motivo, no?

Settimana prossima episodio di due ore, con Jordan e TC protagonisti, a quanto pare.
Questi due mi uccideranno, lo so.

Un saluto alle affiliate Welcome To The Night Shift The Night Shift Italia

Continuate a seguirci Bleacheers e ricordate che stiamo cercando membri per entrare nel nostro staff, chi lo sa, magari sarete i prossimi a recensire uno dei nostri show! (trovate tutti i dettagli sulla pagina Facebook).

A cura di
Sara