RECENSIONE Arrow 4×19

Arrow RECENSIONI SERIE TV
Share

Io sono in seria difficoltà con Arrow, perché dopo un episodio come il precedente probabilmente la tristezza mi accompagnerà sempre. Insomma, poi per una volta mettono flashback utili che diventano automaticamente una mazzata, io non posso farcela.
Diciamo solo che Arrow mina alla mia piccola parte sensibile, insieme ad altre 22 serie.
Che caso clinico.
Comunque, parlando della puntata, devo dirvi che non mi è dispiaciuta per niente, anzi, ci sono state un paio di cose che mi sono piaciute parecchio, altre un po’ meno, ma continuo sulla teoria che questa quarta stagione è molto piacevole da vedere, in fin dei conti.
C’è tanto da ricostruire dopo la perdita di un pilastro del genere, ma credo fermamente nel lavoro degli autori, nella speranza che non mi uccidano l’entusiasmo, e non solo quello…
Ma iniziamo!

Partiamo dal fatto che abbiamo avuto dei flashback decenti, ma io devo confessarvi che quello d’apertura mi ha completamente fregata, io soffro ancora per Tommy e per la ship Tommy/Laurel e questi mettono cose del genere a tradimento.
Piango.

ArrowArrow

ArrowArrow

Partiamo dal presupposto che ho odiato il fatto che Sara non ci sia stata al funerale della sorella, ma ho altrettanto adorato che ci fosse la madre, cosa che non davo assolutamente per scontata, e Nyssa, che mi ha sorpreso più di tutti, dimostrando di dare un vero valore all’amicizia instaurata con Laurel.
Devo dirvi che, per colpa mia, il caso della ragazzina non mi ha stupita e mi è parso quasi scontato perché avevo letto che l’attrice si sarebbe unita ad Arrow, e conoscendola già per un’altra serie, l’ho riconosciuta subito nella scena iniziale e tac, via l’effetto sorpresa ma, ripeto, è completamente colpa mia.

Questo episodio di Arrow comunque, l’avrei chiamato “metodi per reagire al dolore” non “Canary Cry“, perché alla fine è stato un reagire al dolore, in mille modi e maniere.

Oliver ormai, sarà che è collaudato a questo genere di cose, mi sembra quello che l’ha presa meglio, e non è una critica anzi, ma paragonato ad un Diggle o addirittura ad una Felicity, mi sembra quello che tra tutti sta meglio.
Oliver a differenza degli altri sa reagire, ovviamente se spinto dalle giuste motivazioni, e sa sempre essere obbiettivo, anche quando magari c’è bisogno di aggrapparsi ancora a qualcosa. Insomma, Oliver alla fine ha reagito e mi è piaciuto molto, anche perché ora tutti credono in lui e vedono lui come punto di riferimento, quindi Oliver prendi il costume di Green Arrow e torna a combattere.

Devo essere sincera però, credo che a spronare Oliver sia stata sempre lei, ossia Felicity.
L’ho vista anche lei molto giù per la morte di Laurel, forse perché le due sono diventate davvero amiche in fin dei conti, e non rivali, quindi credo che le sue parole e il suo supporto siano state la benzina che ha riattivato il nostro Green Arrow, che mondo sarebbe senza Felicity Smoak.
Credo che il suo ritorno nel team sia stato appropriato perché in un momento del genere hanno bisogno di essere uniti e, nonostante tutto, farsi forza a vicenda. Questa recensione sta diventando troppo triste, la cosa mi sta sfuggendo di mano.

Arrow

Speedy, invece, è stata poco presente, e la cosa mi è dispiaciuta parecchio proprio perché ormai lei e Laurel erano diventate quasi come sorelle, e vedere lei soltanto nella scena a cena con Alex mi è parso un attimo senza senso, proprio perché avendo le due un rapporto così stretto mi aspettavo qualche pianto in più, per capirci, perché pozzo o non pozzo le ho sempre viste quasi come madre e figlia, che posso farci…

Diggle mi ha dato la mazzata finale, insomma, l’avete visto?
Si sta prendendo tutte le colpe che non si merita, anzi, è vittima pure lui in qualche modo.
John si colpevolizza per non aver ascoltato Oliver e per aver dato una chance al fratello, ma chi non l’avrebbe fatto?
Credo che mi abbia spezzato il cuore nella scena con la moglie di psico Dahrk, insomma ho visto un uomo tutto d’un pezzo, uno dei pochi del team a non essere mai realmente crollato, cadere a pezzi come un castello di carte colpite dal vento. Credo che Diggle meriti la sua vendetta, spero soltanto che gli diano l’opportunità di prendere il fratello e rivoltarlo come un calzino, come si merita.
Vai John, siamo tutti con te.

Quentin e Dinah mi han fatto tenerezza, davvero, accettare che Laurel se ne sia andata è davvero dura, ma che se ne sia andata per sempre lo è ancor di più.

Damien Dahrk, ora a noi.

Arrow

Un saluto alle affiliate  My name is Oliver Queen ϟ Arrow Italy |Olicity Arrow Italia Arrow Source Italia |Arrow • Oliver & Felicity •  ∞Olicity დ I love spending the night with you ∞  Emily Bett Rickards Army •  Stephen Amell Italia

Non dimenticate di venire a trovarci sulla nostra pagina Facebook !

A cura di
Sara