Emilia Clarke e un nudo “equo” in Game of Thrones.

Game Of Thrones INTERVISTE ORIGINALI SERIE TV
Share

Se c’è qualcosa che difficilmente dimenticheremo di Emilia Clarke, sono le sue frequenti scene di nudo nella prima stagione del drama HBO Game of Thrones, dove lei impersona la “Madre dei Draghi” Daenerys Targaryen.
Tuttavia, come è stato per la quinta stagione, e come probabilmente sarà per la
sesta, l’attrice ha deciso di non denudarsi più. Dal canto suo non è che ci trovi qualcosa di male, a patto che tali scene siano di “buon gusto”, e in un’intervista rilasciata su Glamour, ha voluto fantasticare un po con una versione di Game of Thrones in cui Daenerys esige più nudità maschile.

Alla domanda, posta da Jonah Weiner, su cosa si sarebbe inventata in un’ipotetica fan fiction di Game of Thrones da lei creata, l’attrice risponde “Voglio Daenerys e i suoi tre draghi sul trono, mangiare la carne di capra da loro arrostita, radunare tutti i ragazzi carini e ordinare loro di calarsi i pantaloni, e dire ‘Io sono la la regina assoluta! Vorrei dei primi piani sui peni di tutti i ragazzi, per favore.'”

Weiner ha inoltre chiesto un parere circa lo sbilanciamento della serie in termini di scene di nudo, mostrando molto spesso scene di nudo femmile, ma ad esempio mostrando mai le gioie di suo marito Khal Drogo (Jason Momoa).

L’ho visto!” risponde l’attrice, “Ho visto le sue parti basse, ma erano coperte da un soffice calzino rosa. Mostrarlo farebbe star male parecchia gente, è meraviglioso.”

Ed è così che la prima di Aquaman fece sold-out in tutte le sale, due anni prima dell’uscita.

Questo era giusto un estratto più colorito del discorso sul femminismo tenuto Emilia durante l’intervista, in cui si è discusso anche del modo in cui lo show ha ritratto lo stupro, e sul pubblico femminile che segue la serie tv. Udite udite, Jon Snow non è stato nominato nemmeno una volta.

Continuate a seguirci Bleacheers e ricordate che stiamo cercando membri per entrare nel nostro staff, chi lo sa, magari sarete i prossimi a recensire uno dei nostri show! (trovate tutti i dettagli sulla pagina Facebook).

A cura di
Edoardo


Fonte