RECENSIONE Lucifer 1×09

Lucifer RECENSIONI SERIE TV
Share

Ormai ho capito che Lucifer mi ha fatto vedere sei episodi monotoni per prepararmi psicologicamente agli altri, perché sarò io che sto diventando troppo brava oppure questo show sta facendo passi da gigante che personalmente non mi aspettavo, anzi, ero quasi pronta alla monotonia che ci stava dando.
E oddio, tra quattro episodi c’è il finale di stagione, che prevedo sempre più catastrofico per capirci.
Restò sempre sulla stessa linea, ossia che Lucifer è uno show diverso, non tanto per la trama in sè, che si è innovativa ma non così tanto, e nemmeno per gli attori che comunque sono bravi, ma è per il suo essere spregiudicato, ecco, diciamo che se dovessi accostare un’altra serie, per la sfacciataggine con cui affronta le cose, la accosterei a Shameless. Due mondi opposti certo, ma in linea.
Questa settimana ci è stato servito un caso bello e buono, che va a toccare i nervi scoperti del protagonista, ossia il rapporto con la chiesa e con chi si fa portavoce di tutto ciò, ossia i preti.

Lucifer

Lucifer è in difficoltà quando un prete arriva a chiedergli aiuto, perché insomma, lui è il diavolo! Non abbiamo a che fare con un prete canonico, però va aggiunto che lo scopo con cui fa tutto è piuttosto nobile, perché salva i ragazzini dalla strada, insomma, qualcosa fa.
Lucifer non si fida e fin lì comprendo, io diavolo non mi fiderei mai di un prete, ma alla fine, i due arrivano a intendersi in una maniera molto particolare, quasi oscurando il fatto che loro, in teoria e a insaputa di uno dei due, sono nemici.
Sono la rappresentazione di male e bene, quindi è difficile si riescano a incontrare, e invece, sia Lucifer che il prete mi hanno stupito positivamente.
Inutile dire che ho profondamente amato le due scene finali in cui il prete muore, e Lucifer da di matto, ma soprattutto ho amato il monologo di Lucifer verso suo padre, o meglio, teoricamente indirizzato a lui, perché oltre l’immensa bravura di Tom Ellis, gli autori hanno centrato una problematica comune a molti, ossia non capire perché, chiunque ci sia lassù, faccia morire persone che forse non lo meritano.
Può apparire banale ma per me, uno show che assume il carico di esprimere apertamente tale significato merita davvero molto, perché quella che può passare come verità non fa piacere a tutti e l’abbiamo già notato.

Torniamo ad argomenti più leggeri, come il rapporto Deckerstar. (Grazie Tumblr per regalarmi questi nomi, grazie.)
Ora, io non ci capisco più nulla.
Lucifer è preso, si sa, e quando Chloe lo definisce amico lui assume un’espressione strana, perché la Friendzone fa effetto pure su di lui, ma Chloe, aiuto.
Prima bacia Dan, poi vuole parlare con Dan, poi con Dan non vuole più parlarci perché ha la testa da un’altra parte e allora cosa fa? Prende, parte e va da Lucifer con cui suona il piano.
Cara Chloe, cosa vuoi dalla vita? Perché io non riesco a capirlo.
L’unica cosa che so, è che lei è l’unica in grado di poter fermare Lucifer, quando gli partono i cosiddetti cinque minuti.
Parlando di Chloe, ma Trixie?
L’ha abbandonata nella fabbrica del cioccolato?

Lucifer

Su Dan non credo di volermi esprimere sennò, come la scorsa volta, rischio di sforare dalla fascia protetta.

Linda torno a trovarla piuttosto molesta, in quanto ormai dice cose ovvie al telespettatore e non più fondamentali.
Dovrebbe dirci qualcosa di più, qualcosa che non percepiamo da soli, quale segreto della psiche di Lucifer, non le solite manfrine, insomma, credo che questo personaggio stia tornando ad essere piuttosto inutile, se non utile solo a far danni, vedi Amanadiel.

Amanadiel che in quanto esseri inquietanti è stato pienamente sostituito da Malcom, insomma, resuscita solo gli ha passato anche l’ansia.

Concludo con Maze, con cui sono ancora profondamente arrabbiata dallo scorso episodio.
Ovviamente questa puntata si cosparge il capo di cenere ed insegue Lucifer come un cagnolino, dimostrandosi pentita di ciò che ha fatto.
Ora, io adoro Maze e la perdonerei seduta stante, ma io sono sono Satana (sono Sara, a Satana manca poco) e soprattutto a me nessuno ha bruciato le ali, quindi sì, capisco che Lucifer la faccia penare, ma tornate ad essere al più presto la coppia più evil che mai, ne ho bisogno.

Ora, io non sono pronta al season finale, ai prossimi episodi e agli sviluppi Deckerstar che ci aspettano, credo di aver bisogno di sostegno psicologico, che non sia Linda, ovvio.

Le domande sono le seguenti: Lucifer tornerà all’inferno? O ci andrà Amanadiel? Chi sceglierà Chloe? Linda straccerà la laurea? Dan ci proverà anche con Maze? Trixie tornerà già laureata? C’è posto anche per me con Tom Ellis all’inferno? Chloe e Lucifer la smetteranno di farsi da babysitter a vicenda e a mezza Los Angeles? Lo scopriremo soltanto vivendo… Si spera.

Lucifer

Alla prossima, Passate da Bleacheers e salutiamo la nostra affiliata Lucifer Italia !

A cura di
Sara