RECENSIONE The Flash 2×13

RECENSIONI SERIE TV The Flash
Share

Ci voleva davvero Earth2 per farmi tornare ad amare The Flash?

No, perché se è davvero così che restino dove sono perché per una stagione così ci metto la firma fino al duemilamai.

Se nelle scorse recensioni avevo lamentato un interesse che andava scemando, questa puntata mi ha tenuta incollata alla sedia per quaranta minuti, finalmente ho rivisto il The Flash di cui mi sono innamorata perdutamente lo scorso anno e finalmente ho sentito di nuovo quello stimolo che spinge a dire “ancora”, perché avrei voluto che questa puntata non finisse mai, davvero.

Tuttavia recensirla sarà tutto fuorchè facile perché tra una Terra e l’altra farò fatica ad orientarmi con i personaggi, ma iniziamo.

Flash

Barry di Earth 1 e Barry di Earth 2, deve per forza essere un sogno perché due Grant Gustin su questo mondo sono un miraggio, ma a parte questo, sono simili ed uguali, ossia che hanno un punto d’incontro e un punto di scissione.

Barry 2, lo chiamerò così, è probabilmente la versione “What if” di Barry, perché se Nora fosse ancora tra noi, avremmo avuto anche sulla prima Terra un Allen versione topo da biblioteca, concentrato sul suo lavoro e vestito oscenamente.

Invece è proprio qua che c’è la scissione, perché è proprio la perdita a dividere i due doppelganger, come testimonia la toccante chiamata tra Barry e la mamma, momento in cui il mio piccolo cuoricino si è sciolto come neve al sole.

Barry si mette nei panni del Barry 2 e gli calzerebbero a pennello, se solo la sostanza fosse uguale, ma è proprio il sentimento che divide questi due personaggi, perché mentre Barry è impegnato a salvare il mondo, Barry 2 è felicemente sposato con Iris 2, fan WestAllen gioite, almeno qualche cosa su cui festeggiare c’è, ed è odiato da Joe 2 che lo considera un bamboccione, insomma, l’opposto.

Ecco, Earth 1 e Earth 2 sono agli antipodi, l’opposto l’una dell’altra.

E Barry, con un pizzico di ironia, spensieratezza e eroismo torna ad essere il velocista scarlatto che l’anno scorso abbiamo imparato tutti ad amare ed apprezzare nella scorsa stagione, senza sembrare il solito ragazzo tedioso che è emerso nelle ultime puntate.

Flash

Iris 2 badass ci piace, eccome se ci piace! Nonostante la credibilità sia a dei minimi storici, far indossare la veste di detective ad Iris è una buona scelta, proprio per staccarla dal giornalismo, nonostante l’abbiano dipinta più come madre di Barry che non come moglie, insomma rinuncia ai suoi sogni ed ai suoi obiettivi per il marito? Questo forse è stato l’unico punto che mi ha fatto storcere il naso di tutta la trama, ma già Deadshot come poliziotto che spara storto ha sistemato tutto, e comunque chiunque scriva cose simili ha dei seri lampi di genio, complimenti.

Joe invece lo troviamo a fare il cantante e forse non mi è parso tanto strano proprio perché l’attore è un ottimo cantante, insomma andate su Youtube a cercare Season Of Love di Rent del 2005 e saprete dirmi il perché di questa scelta, un po’ come mandare Barry al karaoke l’anno scorso, più per mettere in risalto l’attore che dare un senso al personaggio in sé.

Sta di fatto che il Joe di Earth 2 ci ha abbandonato e che non si azzardino a far succedere la stessa cosa nella nostra Terra o tutta la mia ira si incanalerà verso gli autori, Joe è patrimonio culturale per questa serie, quindi giù le zampette.

Flash

Arriviamo a chi ho amato di più, il personaggio più atteso, quello in cui ho riposto tutte le mie speranze, che sono state ampiamente ripagate: Killer Frost

È dal finale della prima stagione che aspetto una puntata di spessore per Danielle Panabaker, una puntata dove tiri fuori un lato diverso da quello innocente che traspare solo guardandola, e con Killer Frost è stata magistrale, davvero, interpretazione che a parer mio emanava ghiaccio da tutti i pori, lasciandoci toccare con mano quella distanza tra la nostra Caitlin e quella di Earth 2. Killer Frost è sia forte, sia vulnerabile, ed indovinate chi è il suo punto debole? Ronnie! Robbie Amell è stato, anche solo per una puntata, di nuovo tra noi, partano i cori angelici!

Fuoco e ghiaccio insieme, e non c’è ship che tenga, Caitlin e Ronnie, in qualsiasi posto si voglia, sono perfetti insieme, sono il connubio perfetto, stile panna e fragole, parlando di cibo ci si capisce meglio, e vedere Ronnie morire di nuovo sotto gli occhi di Cait è da sadici, siamo sinceri.

Lei serve sì Zoom, ma la sua lealtà non credo sia interamente verso di lui, soprattutto dopo quello che è successo.

Su Cisco ho da dire soltanto due cose:

  1. Le espressioni di Carlos Valdes all’inizio, ho riso delle ore.
  2. Cisco di Earth 2 mi ricorda qualcuno di Matrix e  la mia memoria mi dice che non è mai un buon segno.

Parlando di Wells invece, beh, ha tutto il mio appoggio in questo caso, sembra un po’ una babysitter per i due visitatori, che saltellano in giro come degli idioti stupendosi ancora di cosa ci sia di diverso… ve l’ha spiegato metà episodio, abbiate pietà di lui. Sto apprezzando anche Tom Cavanagh come attore, devo dirvelo onestamente, cosa che l’anno scorso non facevo.

Flash

Su Earth 1 non accade nulla di interessante se non che si scopre che Jay ha deciso di doparsi, tempo addietro, perdendo tutta la sua velocità, fattelo dire, meglio essere The Flash un po’ poco  Flash che doparsi e perdere pure quel minimo di Flash che hai. (è una frase contorta, lo capisco, divertitevici su.)

Detto questo, sono molto contenta dell’episodio, lo aspettavo trepidante, e spero che né la settimana prossima né gli episodi a seguire smorzino di nuovo questo ritrovato entusiasmo, perché sennò siamo del gatto.

Alla prossima e un saluto alle affiliate The Flash Italian Fans ϟ  Snowstorm • like fire and ice.  I believe in you, Barry. ϟ

Continuate a seguirci su Facebook!

 

Sara