Gilmore Girls revival: intervista a Amy Sherman-Palladino.

Gilmore Girls INTERVISTE NEWS ORIGINALI SERIE TV
Share

Le riprese di Gilmore Girls : Seasons sono iniziate ieri, martedì 2 febbraio a Los Angeles e la creatrice Amy Sherman-Palladino è un po’ esausta.

Questi ultimi due giorni sono stati pazzi. Abbiamo avuto la nostra prima lettura venerdì. Ne abbiamo un’altra oggi (lunedì) e domani inizieremo a girare.” , ha detto l’autrice, che sta scrivendo e dirigendo questi quattro revival con suo marito Daniel Palladino.

Fortunatamente, AS-P ha trovato 30 minuti del suo tempo per rispondere ad alcune domande di TVLine.
Siccome ci molte domande scottanti, le abbiamo divise a rate, con questa prima parte dedicata al progetto.

In mezzo a tutta questa follia, hai avuto modo di fare un passo indietro e lasciarla entrare?
No [ride]

Davvero? Non hai avuto momento di  “wow, sta realmente accadendo” .
La cosa davvero strana per me e Daniel è che ci stiamo lavorando da Maggio. Lo abbiamo montato nel periodo del ATX Television Festival. Non l’avevano ancora comprato ma noi lo avevamo già montato. E siccome si tratta di quattro mini film da 90 minuti, dovevamo montarli assieme. Poi è avvenuta la prima negoziazione, che non ha avuto niente a che fare con gli attori. E poi è avvenuta quella per gli attori … è stato un processo lungo. Più lungo di qualsiasi altro in cui sono stato coinvolto. È come il processo per un pilota, dove deve essere messo assieme e girato, solo che stiamo iniziando ora.

C’erano dei momenti. Come quando ho camminato alla Warner Bros. Molti con Lauren. Perché è venuta un giorno e stava lavorando ai suoi capelli e trucco e noi stavamo camminando ed è stato strano. E poi stavamo camminando sul palco. E c’era la casa di Lorelai. O il DragonFly Inn. Momenti come quelli sono pazzi. E poi ricordo “ oh, quello è il camion strano vicino all’ufficio di Peter Roth che ha l’hamburger di tacchino”. È surreale. È stato divertente scrivere di nuovo per questi personaggi. Ci mancava farlo. È solo che il processo è stato lungo. Ogni giorno camminavo ed eravamo tipo “oh non succederà oggi. Dobbiamo continuare a scrivere” . sono stati sei mesi di “ beh continuiamo a scrivere perché, ci lo sa?”” .

Quindi avete iniziato a Maggio. Quando avete deciso di andare avanti?
Lauren ed io ne abbiamo parlato nel corso degli anni. “Dovremmo? Non dovremmo?”. Abbiamo sempre saputo che aveva bisogno del posto giusto. E la Warner Bros non c’era sempre o una delle ragazze o la tempistica era sbagliata. Ad un certo punto eravamo tipo “non succederà mai” e poi Netflix ha comprato le precedenti stagioni e improvvisamente mentre camminavamo per New York, gli studenti della NYU venivano da noi e ci dicevano “oh, ho visto lo show. È il preferito di mia madre ed ora lo guardo con lei!”. Così abbiamo realizzato che lo show aveva un nuovo pubblico e ci siamo detti “ ora che esiste Netflix dovremmo parlare di come farlo”.

Non volevamo fare un reboot della serie. Abbiamo pensato che se dovevamo fare qualcosa, doveva essere speciale. Amo Sherlock. E amo il suo formato, perché il suo episodio è più di un episodio. Sono più lunghi di 90 minuti a volte e abbiamo pensato “ perché non facciamo una cosa simile?”  all’inizio dovevano essere tre episodi. E poi abbiamo pensato … quattro stagioni perché le stagioni erano così grandi nello show. C’era la neve, e la primavera e l’estate e i festival … definisce Stars Hollow benissimo. E abbiamo pensato che raggiungerebbe tutte e tre le nostre ragazze Gilmore nell’arco di un anno. Ci siamo sistemati in una stanza del Sag Harbor e abbiamo messo a terra delle card delle stagioni e pensato a come potrebbe essere.  

È interessante perché siamo tornati indietro e c’era Peter Roth e ci siamo guardati ed eravamo tipo “ oh, sei tu di nuovo! Bene, siamo già stati qui prima”. Peter ha sempre amato lo show. È stata una bella riunione. E ci sono stati 12 anni di dispute che mi hanno invecchiata. Ora ho 100 anni. Spero di riavere indietro un po’ del mio vigore giovanile per potere portare di nuovo il mio sedere sul set per dirigere.

Quindi gli episodi – intitolati “inverno” “primavera” “estate” “autunno” – sono un chiaro cenno a Carol King. Ma quell’ordine ha funzionato per la vostra storia?
Sì, è come va la canzone, quindi a tutti sembrerà familiare. Ma narrativamente funziona. Funziona aprire con la neve ed avere un ambiente più netto e freddo. E poi finire con una lussureggiante, calda città che le conferisce il modo in cui finirà la storia. Stranamente la parte difficile non è stata spezzare le loro storie, ma abbiamo avuto molto da fare con il tirarle fuori. All’inizio eravamo tipo “come faremo a riempire 90 minuti?”  e poi eravamo tipo “come faremo ad abbassarlo a 90 minuti?” ed è arrivato ad essere “oh, ora siamo a tre ore” .

L’attenzione di tutti si è poi concentrata su chi ci sarà e chi no ed Amy ha parlato della persona che sicuramente non ci sarà e che manca, Edward Hermann, che interpretava il patriarca Richard Gilmore nella serie originale.

“La morte di Ed è stata scioccante. Era un idiota orgoglioso e non aveva detto a nessuno che era malato. Quindi nessuno di noi ha avuto modo di dirgli addio. E’ stato inaspettato. È stato difficile, specialmente per Lauren Graham e Alexis Bledel perché era come un padre per loro. Era parte di noi e se ne è andato. Non puoi dire ‘ oh Richard è morto pacificamente nel sonno ed ora andiamo al festival. ‘ . È doloroso. Non ero preparata”.

Che impatto avrà su Lorelai, Rory ed Emily? In questa seconda parte ne abbiamo parlato.

Cosa ci puoi dire del ruolo che avrà l’assenza di Richard in questi quattro episodi?
Quando la serie è iniziata abbiamo incontrato una Lorelai che viveva una vita in questo posto nel quale ha dovuto poi inserire i suoi genitori e che l’ha portata a vivere una nuova esperienza. Rory stava per cambiare scuola ed incontrare nuovi ragazzi. Si stava innamorando per la prima volta e stava cambiando. Ed Emily doveva avere a che fare col fatto che sua figlia e sua nipote non facessero parte della sua vita e a volte le manipolava per averle indietro. Quindi anche la sua vita stava cambiando. Perciò l’episodio pilota è iniziato con tutte e tre le ragazze che subivano un cambiamento. E mi sono sentita come se fosse il punto da cui iniziare [il revival].

Le incontreremo più avanti nelle loro vite e vedremo cosa stanno facendo e soprattutto come tutte e tre le loro vite cambieranno. E per Emily sarà che Richard se ne è andato. E cosa significa? Che cosa significa per tutte e tre le ragazze? [Una tragedia come quella ] porta a pensieri come “dove sono? Dove andrò? Cosa sto facendo?”. Perché è la mortalità. Qualcosa che amavano se ne è andato, il che significa che le cose che ami non restano per sempre. E non puoi darli per scontato.

Casa Gilmore non è ancora finita. È l’unico set per il quale sto preparando me stessa. Perché la casa di Lorelai è finita. E anche il Dragonfly. Siamo tornati indietro e abbiamo iniziato a farla essere di nuovo Stars Hollow. È camminando per il set di Gilmore Girls che ho un emozione differente, perché manca un pezzo. È un peso notevole il lavoro che faremo. E la storia si baserà su dove sono le ragazze e cosa stanno facendo.

Gli eventi della settima stagione – esistono ancora?
Beh non è che siamo in “the last weekend” e loro sono John Lennon  e non si ricordano. La cosa buona della settima stagione è che non hanno preso elementi della storia da me che avrei voluto interpretarli. Abbiamo dovuto recuperare la settima stagione. Lo abbiamo fatto chiedendo a dei nostri amici ossessionati dalla serie cosa stava succedendo. E ho visto alcuni pezzi. La cosa principale era: non avevamo intenzione di prendere qualcosa e renderlo reale anche se la stagione sette l’aveva negato. Non sarebbe accaduto. Non avrei detto ai fan che hanno visto la settima stagione “ hey, avete tutti sprecato il vostro fottuto tempo per un’intera stagione. Quindi, ignoratela tutti!”. Abbiamo ripreso da dove hanno lasciato. Fortunatamente gli elementi che volevamo davvero interpretare non stati presi o distrutti da qualsiasi cosa abbiano fatto nella settima stagione. Quindi in realtà ha funzionato abbastanza bene.

Parliamo degli uomini di Rory. Di chi tornerà e chi no …
Gli accordi non sono stati ancora presi. [ride] anche se le riprese sono iniziate. E questo è il perché ho 100 anni. Voglio solo dire … ho 100 anni. Il nostro piano è riportare più uomini amati possibili. Abbiamo anche storie che vogliamo pizzicare un po’ perché a quanto pare a Hollywood ci sono ancora restrizioni di budget. Non lo capisco. Mi sento come “questa  è la storia che voglio raccontare e qualcuno dovrebbe pagare per essa” . [ride] Evidentemente non funziona in quel modo. È molto irritante. Quindi alcune storie – che coinvolgono uno dei ragazzi – ci sono state tolte dalle mani. Stiamo ancora prendendo accordi con chi ci sarà e chi no. Sicuramente vogliamo vederli. E abbiamo delle storie pronte per loro. Mi serve solo qualcuno che mi dica che ci saranno.

Quando la incontreremo in “inverno”, Rory sarà single o legata a qualcuno?
Lei  è … single nel senso che non è sposata, ma sta uscendo come tutte le giovani donne dovrebber.

Sai se Netflix li rilascerà tutti insieme? Hai delle preferenze?
Io preferirei che non li rilasciasse tutti insieme perché mi sento come se ci fosse un’anticipazione e penso che i fan se lo godrebbero di più se fossero separati. Perché l’ultima cosa che uno vuole è che qualcuno salti fino all’ultimo episodio e rovini tutto agli altri, cosa che accadrebbe, parlando francamente, in questi giorni e nell’età delle abbuffate. La mia idea sarebbe di rilasciarli ad un giorni di distanza. Lasciate che la gente si goda il sole e le passeggiate. [ride] Non abbiamo ancora parlato con Netflix di questo, quindi non so ancora a cosa abbiano pensato. Ma abbiamo pensato di pianificarlo insieme.

Ora sei su Netflix, il che significa che puoi essere più volgare. Sentiremo Emily usare la parola con la F(f##k you) ?
Ne stiamo ancora discutendo. [ride] la cosa strana di Gilmore è che vivi una vita con loro e il loro linguaggio. E nel momento che qualcuno ne esce fuori è semplicemente strano. Abbiamo scritto un paio di righe dove malediciamo qualcuno ma è strano. Stiamo cercando di trovare il giusto equilibrio. Non avevamo quel problema. È come quanto stai guardando un programma sui drogati sulla ABC e sono tipo “ hey amico … f##k you!” e i poliziotti dicono “ tu ragazzo raccapricciante! Mettiti a quattro zampre!” e tu sei cosa? Dovresti dire “mettiti a quattro zampre fottuto pezzo di merda”. Ci sono luoghi in cui c’è bisogno di un certo linguaggio per le storie che stai raccontando. Noi non ne abbiamo mai avuto bisogno. Non abbiamo mai avuto bisogno di un Taylor sboccato, “tu fottuto idiota di Stars Hollow”. Per noi, il nostro linguaggio si avvicina più alla Hepburn e Tracy e meno al “fottuto”.

Per restare aggiornati sulle news riguardanti il revival, passate da Bleacheers!

A cura di 
Martina


Fonte 1 Fone 2