RECENSIONE The Originals 3×10

RECENSIONI SERIE TV The Originals
Share

The Originals è tornato, finalmente, dopo una lunga lunga pausa con l’episodio 3×10 dal titolo “A Ghost Along The Mississipi”.

La puntata precedente ci aveva lasciato alquanto sconvolti. L’episodio si era chiuso con la morte di Camille dopo che, finalmente, lei e Klaus si erano abbandonati all’affetto e all’amore che li lega e noi che speravamo, finalmente, in un lieto fine nella vita del “cattivo” Klaus, ci siamo dovuti ben presto ricredere.

La 3×10 riparte proprio da quel doloroso e straziante momento con, a tratti, alcuni flashback che ci portano ad una seduta fra Klaus e la sua psicoterapeuta preferita, sennonché l’unica che lui abbia mai avuto. Il loro discorso ci fa comprendere il significato di quella che è la vita e la morte e la nostra Cami scava nei meandri della mente contorta del suo paziente portando alla luce un piccolo particolare (che noi fan sfegatati da sempre sapevamo): Klaus si attornia di immortali perché ha paura di marcire sotto terra, ha timore della morte.

Tornando al presente, sapevamo benissimo che Klaus non avrebbe reagito bene e così è stato. Una cosa la devo dire: per una volta ci ho azzeccato! Camille, infatti, si sveglia e deve bere sangue umano per trasformarsi in un vampiro. In fin dei conti quale migliore vendetta per Aurora? Klaus avrebbe perso l’innocente e buona Camille e lei sarebbe stata costretta a trasformarsi, per continuare a vivere, e abbandonare per sempre la sua umanità. Era quello che mi aspettavo e con cui avevo concluso la scorsa recensione e così, infatti, è stato. E devo dire che sono contenta di questo finale perché, ora che avevo iniziato ad apprezzare il personaggio di Camille e ad aver messo da parte, anche, la love story di Klaus e Caroline, me la fanno morire!? No, era un qualcosa di inconcepibile.
Naturalmente Camille non ne vuole sapere e prende la decisione di lasciarsi morire, ma Klaus non è per niente d’accordo per cui, mentre lui sarà impegnato a salvare Hayley che è stata catturata dagli Stryx, lei rimarrà bloccata in casa da un incantesimo di Freya, con la possibilità di poter bere del sangue umano se dovesse cambiare idea.

La scena si sposta quindi su Hayley e Jackson che sono stati catturati. Sono entrambi legati e sanguinanti e non possono far nulla visto che hanno un’elevata dose di strozza lupo in circolo che non gli permette di rimarginare le ferite, le quali continuano a sanguinare. Intanto compare Tristan che decide di metter fine alle sofferenze di Jackson e far soffrire, così, irrimediabilmente, Hayley. Per quanto Jackson non è che mi abbia mai fatto impazzire e non è che avesse, ultimamente, un gran ruolo nello show se non quello di far da babysitter e sottostare alle pazze decisioni di Hayley, mi è dispiaciuto veder finire così il suo personaggio. Penso che si potessero approfondire meglio alcuni lati ancora poco chiari del suo carattere. Però, in compenso, via libera ora per Elijah da sempre innamorato della nostra ibrida.

Nel frattempo, Klaus insieme all’aiuto del fratello Elijah, Freya e Vincent, il quale ha dovuto attivare la serratura sotto minaccia del ciondolo al cui interno è presente Finn Mikaelson, rapiscono Aurora e chiamano Tristan per uno scambio: Aurora al posto di Hayley.
La situazione non sembra a favore dei fratelli Mikaelson eppure dovremo, ormai, esser abituati ai loro colpi di scena. Klaus apre il container e dentro c’è Aurora legata e con la testa coperta da un telo nero. Tristan si avvicina, la slega e si abbracciano, ma lei infila la mano nella tasca e prende la “serratura” e la sbatte contro la parete del container intrappolando lì, per sempre, Tristan, mentre lei è libera di uscire.
Sono rimasta senza parole quando dopo esser uscita Aurora prende le sembianze di Camille. Ebbene si, Freya la libera e chiede il suo aiuto, prima di morire. Solo lei, non viva, poteva uscire ed entrare dalla gabbia creata dalla serratura. Bel colpo di scena!
Ho rivalutato Hayley. La sua interpretazione sofferta è stata magistrale in questa puntata ed è migliorata davvero tanto rispetto alle sue prime apparizioni in The Vampire Diaries. La sua espressività nella scena finale quando si rivolge a Tristan che ha messo fine alla vita di un brav’uomo come Jackson è superlativa, a mio avviso.

Arriviamo al finale.
Camille è intenzionata a metter fine alla propria vita e non vuole, assolutamente, che Klaus decida per lei perché vivrebbe la sua vita da vampiro odiandolo.
Quando, ormai, eravamo lì lì per dire addio al personaggio di Camille ecco, invece, un altro colpo di scena. Camille si incontra con Vincent e gli espone tutti i suoi dubbi. E se potesse controllarlo? E se da vampira fosse più forte per fare il giusto? Per portare a termine quello che aveva iniziato suo zio?
Così, Cami beve il sangue che, gentilmente, Vincent le concede.
La scena finale vede Camille attaccata ad una delle tante sacche di sangue che ha bevuto e Klaus sulla porta che non può credere ai suoi occhi, e nemmeno noi oserei dire. Klaus te lo devo proprio dire: non hai l’esclusiva! Non sei l’unico scioccato, ma felice!
Camille è euforica, felice del suo nuovo lato vampiresco e vediamo emergere un po’ quel lato oscuro che ognuno dentro di noi, in fondo in fondo, possiede. Riuscirà Camille a non far prevaricare questo suo lato?
Lo scopriremo guardando le prossime puntate.
In conclusione, bella puntata! Un episodio non noioso, ma anzi pieno di colpi di scena.
E con questo vi saluto.

Alla prossima!

Continuate a seguirci su Bleacheers!
E passate dalle nostre pagine affiliate The Originals Streaming Italia, Ian Somerhalder Italian Daily, Paul Wesley Italian Fans per rimanere sempre aggiornati sulle ultime news!
A presto.

A cura di
Rosanna