RECENSIONE The Originals 3×03

RECENSIONI SERIE TV The Originals
Share

Eccoci di nuovo qua con una nuovissima puntata di The Originals dal titolo “I’ll See You in Hell or New Orleans” e con la mia recensione a quest’ultimo episodio.

A New Orleans la cose si complicano e non poco.
La puntata inizia con una flashback perché questi ritorni al passato ci garbano particolarmente e ci fanno capire non poche cose sulla vita della famiglia Mikaelson e non solo, ma ci aprono nuovi scenari e nuovi tasselli prendono posto.
Nel flashback capiamo che i fratelli Mikaelson stanno iniziando a scoprire pian piano i loro poteri e la loro vera e nuova natura, infatti vediamo Klaus trasformare, accidentalmente, in vampiro, il nostro carismatico e della battuta sempre pronta, Lucien. Col tempo, i nostri vichinghi vampiri, scopriranno anche che quando uno di loro viene ucciso tutta la discendenza perisce con esso.
E questo ci riporta a New Orleans e al presente e a Lucien, Tristan e Aurora che sono i primi vampiri creati da Klaus, Elijah e Rebekah rispettivamente. I nuovi vampiri giunti in città tramano qualcosa e il tutto ci riporta alla questione che  l’uccidere un originale uccide tutta la sua discendenza. Il mettere fine alla vita di un fratello Mikaelson fa si che ci si possa sbarazzare di tutti i propri nemici e, diciamocelo, nel corso degli anni gli originali ne hanno accumulati davvero tanti di nemici che non si possono contare nemmeno sulle dita della mano.
La profezia è la chiave portante, ormai è chiaro, di questa terza stagione e la sua veridicità viene confermata da Freya.

Uno per mano di un amico, un altro di un nemico e uno per mano della famiglia.”

Il vero protagonista di tutta la puntata rimane Lucien e i suoi racconti del passato che ci fanno scoprire altri lati degli altri due vampiri: Tristan e Aurora e come la loro storia sia legata strettamente ai fratelli Mikaelson. Scopriamo, così, che Klaus, come sempre del resto, l’ha fatta grossa sbaciucchiandosi con Aurora, il grande amore di Lucien. E lui continua a professarti innocente e a non essere l’artefice dei macabri omicidi che si compiono per le strade di New Orleans, ma intanto non credo alla sua voglia di aiutare Klaus e al suo continuare a blaterare che è dalla sua parte e che non ha alcun rancore nei suoi riguardi.
Ok, parliamo del 1002 e ne è passata di acqua sotto i ponti, ma proprio perché si ha una lunga vita davanti si ha anche la possibilità di pensare e ripensare al passato e di covare sempre maggior risentimento. E’ chiaro che Lucien stia cercando di manipolare Camille come per ottenere una qualche specie di controllo su Klaus ed è anche chiaro che è vero che non è lui a lasciar corpi di qua e di là, ma propendo nel pensare che sia Tristan e che sia una qualche tattica per metter gli uni contro gli altri i fratelli Mikaelson, anche se ancora non so bene come.
Nel frattempo, un personaggio nuovo, Aya, irrompe a casa di Marcel e dopo una lunga lotta lo rapisce e con lei la Strige, una specie di antica organizzazione vampiresca segreta, arriva in città capitanata da Tristan che mette in guardia Elijah sulle intenzioni di Lucien e sulla sua cattiva influenza su Klaus.
Tristan, si capisce subito, fa parte della discendenza di Elijah e sta giocando bene le sue carte lasciando qualche morto di là e qualche altro di qua e tutto questo ha un solo obiettivo: mettere Elijah contro Klaus. 
Spero vivamente che né Elijah né Klaus si lascino trasportare dai rancori per mettersi l’uno contro l’altro.
Gli altri personaggi come Freya, Hayley e Jackson hanno fatto da contorno e non sono stati gran che rilevanti nell’episodio e Freya continua ad avere il ruolo di baby-sitter, cosa che odio, e solo perché Hayley non vede sua figlia da non so quanto tempo, ma è più importante andare a fare un po’ di lotta con Jackson e distrarsi anziché stare con la piccola Hope seppur un po’ capricciosa. E pensare che adoravo il personaggio di Hayley, ma ultimamente mi sta venendo parecchio in odio sia lei che la sua storia con Jackson che, a tratti, mi sembra alquanto forzata.

Ritornando alla profezia, e se il tradimento venisse proprio da Elijah? Elijah ormai non ha più alcuno scopo, per anni la sua vita si è basata sul portare sulla giusta via Klaus e ora che non ci è riuscito? Cosa accadrà? Sarà lui il membro della famiglia che ucciderà uno degli altri Mikaelson così come dice la profezia?
E se invece la piccola Hope avesse un ruolo in tutto questo!?
Mentre per quanto riguarda l’amico è giusto pensare che possa trattarsi di Marcel?
Nel complesso ottima puntata che ci lascia, come sempre, con un sacco di domande e curiosità.
Alla prossima!

A cura di 
Rosanna