Bill Skarsgard rivela come “IT” ha influenzato il suo lavoro in Castle Rock

INTERVISTE NEWS SERIE TV
Share

Dopo la premiere della serie, prodotta da JJ Abrams e basata sui romanzi di Stephan King, Bill Skarsgard ci svela come l’aver lavorato nel film horror, IT, lo abbia aiutato a calarsi meglio in questo nuovo ruolo.

Esplorare le celle del penitenziario della West Virginia, durante le riprese della nuova serie Castle Rock, è stato solo un “giorno come tutti gli altri” per Bill Skarsgard.
Il set del penitenziario era parte integrale del personaggio di Skarsgard, che è “un misterioso detenuto nella prigione di stato di Shawshank”, uno dei tanti luoghi terrificanti che troveremo all’interno della serie.
Il veterano dell’horror non si lascia spaventare facilmente quando si tratta di cose spettrali, ma le incisioni sulle pareti e lunghe storie di esecuzioni hanno reso l’ambiente lavorativo molto più cubo.
Ci sono tutte queste vecchie storie che raccontano eventi terribili, c’era qualcosa di lugubre in quel posto”, dichiara l’attore, “E’ stato fantastico per il mio personaggio essere in quel tipo di ambiente”.

Dopo “It“, Skarsgard non era certo di voler continuare su questo genere. Quando gli venne proposto questo ruolo erano appene terminate le riprese del film e l’attore voleva appendere al muro le scarpette da clown e prendersi una pausa dalle opere di King.

Ero un po’ dubbioso all’inizio, non sapevo se accettare o meno. Non c’era nessuna sceneggiatura da leggere, solo un breve descrizione del personaggio, non sapevo di che progetto di trattasse. Tutto ciò che sapevo è che si trattava di Stephen King, e visto che avevo appena finito il film non ero sicuro di voler fare qualcosa di così simile a ciò che avevo appena fatto”.

Ma dopo una successiva lettura del pilot con i creatori, Sam Shaw e Dustin Thomason, molte delle preoccupazioni dell’attore erano cessate, poiché It e Castle Rock hanno in comune solo l’autore.
Non mi hanno detto tutto, ma mi hanno detto abbastanza“, dice Skarsgard. “Entrare in gioco è stato un po’ preoccupante, ma sia il materiale che il progetto mi hanno convinto.

Sebbene fosse più familiare con il suo personaggio, Skarsgard ha dovuto mettere una certa dose di “fiducia” nelle mani dei creatori, che optarono per mantenere segreti alcuni dettagli della storia.
E’ stato strano per me iniziare a girare qualcosa che in realtà non sapevo come sarebbe finito. Per me era importante sapere tutto ciò che avrebbe affrontato il mio personaggio, ma questa volta non era così.”

Ogni volta che l’attore non si sentiva pronto ad affrontare una determinata scena cercava di ottenere più informazioni possibili.
“Avevo bisogno di saperlo”, confessa, aggiungendo che ogni qualvolta non riusciva ad ottenere abbastanza informazioni faceva affidamento all’esperienza che ha ottenuto recitando in un film  ambientato nell’universo di King.
Interpretare Pennywise è stato scoraggiante e allo stesso tempo particolare. Il personaggio era particolare. Mi sono impegnato molto, prendendo scelte davvero audaci, ma sono stato appagato da questa esperienza”.

Indipendentemente dalla sua esitazione nel prendere parte a questo progetto, Skarsgard è disposto a prendere in considerazione l’idea di apparire in più adattamenti di Stephen King.
E’ uno, se non il più prolifico scrittore che abbiamo, quindi non c’è carenza di buon materiale.”

Inoltre, fra un paio di settimane l’attore inizierà le riprese del seguito di IT.

Per rimanere sempre aggiornati sulle novità, seguiteci sulla pagina Facebook, sul gruppo dedicato a Cinema&TV  e sugli altri social. Se avete suggerimenti o volete entrare a far parte del nostro team, inviateci una e-mail oppure contattateci sui nostri social.

Fonte