home CINEMA, CURIOSITA', RUBRICHE, SPOILER SPOILER Avengers: Infinity War – la storia di Thanos e differenze col fumetto Marvel

SPOILER Avengers: Infinity War – la storia di Thanos e differenze col fumetto Marvel

Share

Il background del personaggio nel film è molto diverso dalla storia riportata nel fumetto

Gli unici elementi conservati sembrano essere i temi dell’ Amore e del sacrificio

Se avete visto Avengers: Infinity War  potete stare tranquilli, e leggere le curiosità sulla storia di Thanos nell’articolo che segue. Se, invece, non avete avuto il piacere di visionare l’ultimo capolavoro Marvel, correte ai ripari e poi tornate qui per scoprire tutto sul nemico più forte che gli Avengers abbiano mai affrontato!

Avengers Infinity War Thanos Marvel

La prima apparizione di Thanos su pellicola, interpretato nei film da Josh Brolin, risale ad una scena post-credits del primo capitolo degli Avengers. Al tempo, i nuovi fan del MCU non avevano idea dell’influenza che questo personaggio avrebbe avuto su ognuno degli eroi Marvel. I lettori dei fumetti originali, invece, si aspettavano che venisse raccontata la vera storia di Thanos, ma l’uscita di Infinity War ha disatteso le aspettative.

Per comprendere bene la scelta di cambiare alcuni aspetti della trama, bisogna prima fare un passo indietro, e ricordare come il cinema ha presentato il personaggio.

Dalle prime informazioni ricevute sul super cattivo tramite Guardiani della Galassia Vol.1 (2014), abbiamo appreso che Thanos detto “il folle Titano” è il padre adottivo di Gamora (Zoe Saldana) e Nebula (Karen Gillan). Per le due, egli nutre sentimenti contrastanti dati dalle continue delusioni e missioni fallite da parte di Nebula e dal tradimento di Gamora, sfuggita al suo controllo per unirsi ai Guardiani.

Fin qui, Thanos è descritto fedelmente: uno spietato conquistatore, assassino della propria madre, dei propri figli, nonchè di metà della sua stessa specie. A questo proposito, il sacrificio è un tema ricorrente in entrambi i casi. Nessuno scrupolo quindi, né sulla carta, né tantomeno sulla trasposizione cinematografica, nella quale viene invece fatta leva sul ruolo genitoriale del cattivo.

Quello che viene sottratto dall’equazione nei film è il motivo originale – filo conduttore nei fumetti – che spinge il Titano a voler dimezzare la popolazione della Galassia e ad impadronirsi delle Gemme dell’ InfinitoLa sua decisione è stata una scelta dettata dall’ amore. Non parliamo però dell’amore del genitore verso la figlia prediletta – come si vede in quest’ ultima uscita cinematografica.

L’amore del Thanos dei fumetti è infatti di tipo sentimentale. Egli è innamorato della forma fisica assunta dalla Signora Morte (Mistress Death); per far breccia nel suo cuore, decide di intraprendere la via sanguinaria della conquista e dello sterminio nella galassia. Morte sostiene che ci sia uno squilibrio tra i viventi e i defunti a favore dei primi, e la sua scontentezza sarà il motore che muoverà le azioni del Thanos fumettistico, rendendolo sempre più avido di potere.

Avengers infinity War Thanos Marvel
Una sequenza del fumetto in cui Thanos supplica Morte di tornare da lui a costo di sacrificare altri universi per renderla felice

Rimane dunque la componente “umanizzante” e sensibile del cattivo, che vediamo anche nella scena finale di Infinity War, a discapito della parte romantica.

Sarebbe stato complicato riportare questo lato della storia nei film usciti fino ad oggi, poiché si sarebbero dovute cambiare anche altre linee narrative. È quindi stato adottato un altro tipo di approccio, riuscendo a conservare tutto il carisma del personaggio.

Tralasciata completamente dalla narrazione cinematografica della storia di Thanos è anche la rivalità con Adam Warlock, l’unico tra gli eroi Marvel in grado di usare il guanto che sfrutta le Gemme dell’Infinito.

Secondo quanto riferito dal regista di Guardiani della Galassia vol.1 e vol.2, James Gunn, è in lavorazione il terzo capitolo, e non è escluso che conosceremo Adam proprio in questa occasione. La sua creazione è riportata in una scena post credits di Guardiani 2 e pare sarà un personaggio fondamentale per i progetti futuri del MCU.

Avengers Infinity War Thanos Marvel

 

Cosa possiamo aspettarci dal prossimo appuntamento con Thanos? 

Se nei film a venire si decidesse di recuperare parte della storia originale del titano, coloro che non hanno mai letto i fumetti troveranno assurdo veder nascere l’alleanza fra lui e gli Avengers per un ritorno allo stato delle cose precedente agli eventi di Infinity War.

Chi ha visto il film, tirerebbe di sicuro un sospiro di sollievo! Purtroppo, dovremo attendere qualche anno per scoprirlo.

In linea generale, la differenza sostanziale tra film e fumetto è che in quest’ultimo la vita di Thanos si declina in base alla sua relazione con la Morte. Questa, in più occasioni di conflitto con l’amante, lo condanna ad una vita eterna e tormentata.

E, in effetti, il Thanos del cinema ci è sembrato un po’ depresso e afflitto, quasi pentito. Tanto di cappello all’attore, ai disegnatori e agli animatori della CGI per la resa delle emozioni!

Che ne pensate di questa versione dei fatti? Avreste preferito conoscere questo lato dell’anti-eroe oppure avete apprezzato come è stato rappresentato in Infinity War? Fateci sapere la vostra con un commento!

Continuate a seguirci per altre news anche sulla nostra pagina Facebook. Non dimenticate che se avete idee da proporci o volete unirvi al nostro team potete contattarci tramite email o sui nostri canali social!

 Fonte
TAGS:

Lucy Dominijanni

Lucetta, classe 1992, innamorata dell'inglese fin da bambina. Mi sono sempre domandata il significato delle parole appartenenti a questa meravigliosa lingua straniera, e ancora oggi continuo a studiarla con passione. Ho frequentato l'Università di lingue e letterature straniere, anche se quasi al terzo anno mi sono resa conto che per il momento l'università non fa per me. Traduco da che ne ho memoria, e sono migliorata anche grazie alla visione di film, interviste e serie tv in lingua inglese con e senza sottotitoli. Ho lavorato in redazioni di radio ufficiali, web radio universitarie e ho frequentato un corso di qualifica professionale presso il Centro Italiano di Studi Superiori per la Formazione e l'Aggiornamento in Giornalismo Radiotelevisivo RAI.