Game of Thrones: quanto sono cambiati i protagonisti?

Game of Thrones: quanto sono cambiati i protagonisti?

Share

Se siete fan di Game of Thrones sapete che a Westeros niente resta lo stesso molto a lungo. Alleanze si formano e si spezzano, sovrani vanno e vengono e personaggi che eravamo certi di conoscere ci sorprendono sempre, se non periscono sotto la scure di George Martin o di Benioff e Weiss. Lo sviluppo dei personaggi è uno degli elementi che rendono lo show così intrigante, soprattutto quello dei protagonisti più amati dal pubblico. Ora che la settima stagione è alle porte (arriverà il 16 luglio), diamo uno sguardo a come alcuni dei principali giocatori al gioco del trono sono cambiati tra la prima stagione e il finale della sesta.

 

Samwell Tarly

Nella prima stagione dello show sembrava che Sam Tarly esistesse solo per portare un po’ di sollievo comico e per mostrare quanto Jon Snow fosse un bravo ragazzo nel salvarlo dall’umiliazione. Nonostante Sam avesse dato prova di essere un buon amico e ce l’avesse sempre messa tutta, non è mai stato chiaro se la Barriera e i Guardiani della Notte fossero effettivamente il posto giusto per lui.

Nella sesta stagione, Sam non è cambiato più di tanto però ha superato ogni aspettativa che potessimo avere nei suoi riguardi. Non solo è sempre rimasto al fianco di Jon, ma è anche il primo personaggio ad uccidere un Estraneo. Sam continua a essere impacciato il più delle volte, ma ora ha guadagnato molta più sicurezza, soprattutto dopo aver incontrato Gilly. Alla fine della sesta stagione Sam arriva alla Cittadella per imparare a essere un Maestro alla Barriera e potrebbe scoprire qualcosa che rischia di cambiare tutto per il suo amico Jon.

 

Jon Snow

Oh, Jon Snow… colui che soffre sempre in silenzio. All’inizio dello show, Jon era chiaramente un outsider e agiva di conseguenza, isolandosi. Questo però non gli ha impedito di creare un forte legame con sua sorella Arya, anche se non ha mai sentito di far veramente parte di Grande Inverno. Si arruola tra i Guardiani della Notte per sentire che sta facendo qualcosa di buono.

Avanti veloce alla sesta stagione: le cose per Jon sono cambiate parecchio! Quella che si presentava come una lunga vita solitaria alla Barriera è diventata una serie di prove e difficoltà e ora non solo Jon ha lasciato il Castello Nero, ma è anche stato proclamato Re del Nord. Oltretutto è uno dei pochi a conoscere il vero pericolo che minaccia Westeros – e non è la politica. Nonostante non sappia tutto quello che sta succedendo nel resto di Westeros, è ancora fermamente impegnato nel difendere la sua terra con onore e correttezza anche se questo gli mette tutti contro. Jon è maturato tantissimo ed è il vero figlio di Ned, anche se non da un punto di vista biologico. Ned sarebbe davvero fiero di lui!

Jon Snow: Season 6

 

Bran Stark

Dolce e innocente con un faccino che vorresti solo proteggere da ogni cosa brutta, Bran Stark è l’esempio vivente di come Game of Thrones non risparmi colpi. Dopo essere stato gettato da una finestra nel primissimo episodio, Bran sembrava destinato ad una misera esistenza, lasciato indietro o trattato come un peso in compagnia di Hodor.

Ma nella sesta stagione Bran ha attraversato un cambiamento fisico enorme, anche se comunque non userà più le gambe. Ha lasciato indietro la sua innocenza dopo aver visto l’orrore che si cela dietro la Barriera ed essere venuto a patti con il fatto che deve farsi carico del potere del Corvo con Tre Occhi. Tuttavia, non ha ancora ben chiaro cosa comporti questo potere e dopo il suo terrificante “incontro” con il Re della Notte, il suo piano di dirigersi a sud attraverso la Barriera potrebbero avere conseguenze impreviste. Oltretutto adesso deve andare avanti senza il suo fidato Hodor e noi non ce ne siamo ancora fatti una ragione.

Bran Stark: Season 6

 

Cersei Lannister

Quando abbiamo incontrato Cersei per la prima volta era una donna compiaciuta, egoista e spietata. Non ha problemi a prendere ciò che vuole, nemmeno se questo implica far sedere sul Trono di Spade il suo sadico figlio. Ama essere al centro dell’attenzione ad Approdo del Re e anche se la sua relazione con il marito Robert Baratheon è pressoché inesistente è totalmente a suo agio nel proprio ruolo di regina.

Alla fine della sesta stagione, Cersei continua a essere egoista e arrogante, ma in maniera più spaventosa. I suoi piani per assicurarsi il potere tramite i suoi figli non sono andati a buon fine e lei è così accecata dal voler contrastare il crescente potere dell’Alto Passero che porterà suo figlio Tommen a suicidarsi. La perdita di Tommen sembra spingerla sempre più alla follia, ma anche alla decisione di assicurarsi il trono una volta per tutte.

Cersei Lannister: Season 6

 

Tyrion Lannister

Anche se Tyrion è fin da subito più amabile dei suoi fratelli, è comunque un ricco e viziato Lannister nella prima stagione dello show. Sarcastico, impassibile e autoironico, Tyrion ha sempre un modo per tirarsi fuori dai guai e chiaramente ha la testa per la politica. Peccato che si capisce fin dalla prima stagione che per lui essere nei pressi di sua sorella, suo padre o suo nipote non è sicuro

L’attitudine di Tyrion verso il mondo è cambiata molto in sei stagioni e ad oggi non si direbbe proprio che fa parte di una delle famiglie più ricche di Westeros. Tyrion sa quanto è cambiato e nel finale di stagione dice a Daenerys che prima di incontrarla non aveva mai creduto davvero in qualcosa. La conoscenza di come il “grande gioco” è giocato è inutile ad Approdo del Re dove i membri della sua famiglia continuano ad umiliarlo e distruggerlo. Daenerys riconosce e apprezza la sua saggezza e Tyrion è disposto ad aiutarla al meglio che può. Non potrebbe esserci miglior Primo Cavaliere per la regina.

Tyrion Lannister: Season 6

 

Daenerys Targaryen

Vi ricordate quando Dany aveva paura di dire la sua? Sembra secoli fa, ma nella prima stagione era solo una ragazzina appartenente a una famiglia dimenticata che viveva nella paura del suo odioso fratello e la cui vita era decisa da altri. All’inizio stava solo tentando di trovare il suo posto nel mondo, ma ben presto Dany ha capito qual è la sua forza e l’ha scatenata.

Ora Daenerys sa chi è: è la Madre dei Draghi e probabilmente sarà la regina di Westeros. Al termine della sesta stagione sta facendo esattamente quello che si era prefissata di fare da anni: radunare un esercito e salpare alla volta dei Sette Regni. Nonostante abbia paura di quello che accadrà è sicura del proprio potere e del proprio destino.

Daenerys Targaryen: Season 6

 

Jamie Lannister

Jamie è un altro personaggio che è maturato tantissimo nel corso delle sei stagioni. All’inizio era praticamente insopportabile: presuntuoso, arrogante, altezzoso e impacchettato in abiti che lo rendevano bello in modo frustrante. Sapeva di essere in cima alla catena alimentare dei Lannister, essendo fratello di Cersei e membro della Guardia Reale. E sembrava che non gli importasse nulla che la gente lo considerasse un traditore per aver ucciso il Re Folle. Ah sì, ha anche gettato Bran dalla finestra di una torre.

Al termine della sesta stagione Jamie Lannister sa bene cosa voglia dire essere umile. È stato umiliato in battaglia, gli è stata tagliata una mano e si è reso conto che le ambizioni della sua amata sorella sono fuori controllo. Non può davvero essere giustificato per le azioni che ha commesso in passato, ma rispetto a sua sorella è maggiormente benintenzionato e più stabile. Se le azioni di Cersei lo condurranno a compiere gesti estremi lo scopriremo presto.

Jaime Lannister: Season 6

 

Arya Stark

La più giovane delle ragazze Stark è facile da amare nella prima stagione, con la sua natura sveglia e il suo disgusto per Joffrey. Arya vuole dimostrare di essere forte e tenace, ma è ancora molto giovane e non sa ancora come funziona il mondo.

Ma nella sesta stagione la ragazzina sveglia è sparita e ha fatto posto a un’assassina spietata e sclatra. Arya ha viaggiato per il mondo per imparare a diventare un’assassina e prendersi la sua vendetta sulle persone che hanno distrutto la sua famiglia. Ora sta finalmente tornando a casa e sta accorciando la sua lista.

Arya Stark: Season 6

 

Theon Greyjoy

Ok, non c’è molto che si possa dire riguardo a Theon all’inizio dello show: intrattabile, misogino e semplicemente detestabile. Sembrava essere leale a Robb, ma sappiamo come è andata a finire.

Tuttavia, Theon ha espiato le proprie colpe di sicuro e ciò che gli è accaduto a causa di Ramsay Bolton è orribile. Al termine della stagione 6, Theon è completamente demoralizzato e spezzato in ogni senso. Torna sulla strada della redenzione aiutando Sansa a scappare da Ramsay e poi supportando sua sorella Yara nella sua rivendicazione delle Isole di Ferro, ma non sarà più lo stesso.

Theon Greyjoy: Season 6

 

Sansa Stark

Nella prima stagione Sansa è un’adolescente a tutti gli effetti: è affascinata dalla capitale Approdo del Re, perennemente annoiata da sua sorella e ossessionata dalla sua cotte che sfortunatamente è Joffrey Baratheon. È difficile incolpare per davvero Sansa per il suo comportamento, perché come Arya anche lei non sa come funzioni il mondo al di fuori di Grande Inverno. Non impiega molto a capire che il suo sogno di sposare un principe e diventare regina non è come lo aveva immaginato.

Durante le sei stagioni, Sansa passa dall’essere un’adolescente ingenua a diventare una regina di ghiaccio grazie a tutte le disgrazie che le sono capitate. Ha visto suo padre essere giustiziato, ha vissuto nella costante paura di Joffrey, è stata costretta a sposare Tyrion Lannister, è dovuta fuggire da Approdo del Re per non essere giustiziata per la morte di Joffrey e poi ha dovuto sposare il diavolo in persona, Ramsay Bolton. Non meraviglia che sia cresciuta in fretta. Ora che è tornata a Grande Inverno è decisa a rendere di nuovo potente il Nord sotto il vessillo degli Stark, anche se questo prevede un aiuto da parte di Ditocorto.

Sansa Stark, Season 6

Ormai manca solo un mese al ritorno di Game of Thrones quindi ricordatevi che sul nostro sito abbiamo una sezione dedicata allo show. Per news e curiosità come questa continuate a seguirci anche sulla nostra pagina Facebook e non dimenticate: se avete idee da proporci o se vi piacerebbe entrare nel nostro team, non esitate a contattarci.

FONTE

No votes yet.
Please wait...