Game of Thrones: una strana e convincente teoria su Davos

Game of Thrones: una strana e convincente teoria su Davos

Share

Manca ormai solo un mese all’attesissima penultima stagione di Game of Thrones e abbiamo cominciato ad avere sempre più risposte riguardo ai misteri che regnano a Westeros. Sappiamo perché Hodor può pronunciare solo il suo nome, sappiamo da dove arrivano gli Estranei e soprattutto sappiamo che Jon Snow è figlio di Lyanna Stark, come praticamente tutti già sospettavano.

Dopo la rivelazione dell’identità della madre di Jon, molti fan hanno trovato un’ipotetica ulteriore conferma al fatto che Jon sia anche il leggendario Azor Ahai. Ma chi è Azor Ahai? Circa 8000 anni prima degli eventi dello show, Westeros ha vissuto la cosiddetta “Lunga Notte” durante la quale l’inverno era calato su tutto il continente e gli Estranei avevano ucciso moltissime persone. Al loro regno del terrore aveva posto fine un uomo conosciuto come L’ultimo Eroe. Ad Asshai, nelle terre orientali di Essos, questo eroe è conosciuto con un altro nome: Azor Ahai.

Grazie a Melisandre, sappiamo che c’è una profezia che dice che Azor Ahai ritornerà per salvare la terra dagli Estranei ancora una volta. La Donna Rossa dice a Jon che “quando la rossa stella sanguinerà e le tenebre s’addenseranno, Azor Ahai rinascerà tra il fumo e il sale per risvegliare i draghi dalla pietra” e aggiunge: “Negli antichi libri di Asshai sta scritto che verrà il giorno che […] un guerriero estrarrà dal fuoco una spada fiammeggiante. Quella spada sarà la Portatrice di Luce.”

Quindi Azor Ahai deve essere qualcuno che sia nato sotto una stella che sanguina, tra il fumo e il sale, e che abbia estratto una spada fiammeggiante dal fuoco. Quindi cosa porta la gente a pensare che possa trattarsi di Jon?

Nel finale della sesta stagione, quando la macchina da presa inquadra Lyanna morente dopo il parto nella Torre della Gioia indugia su un’inquadratura in particolare. Il giovane Ned entra nella stanza e pone una spada al fondo del letto di Lyanna. L’arma in questione è Alba, la leggendaria spada di Casa Dayne, che Ned ha appena sottratto a Ser Arthur Dayne dopo che Howland Reed lo ha ucciso.

Young Ned enters the room and places a sword at the end of Lyanna's bed. The weapon in question is Dawn, the ancestral sword of House Dayne, which Ned has just taken from Ser Arthur Dayne after he and Howland Reed killed the legendary Kingsguard.Dawn is literally a falling star – unlike most ancestral swords that are made of Valyrian Steel, Dawn was forged from a meteorite. And, seeing as it was just used to kill a bunch of Northmen, it's covered in blood. So, you might say it's a ~bleeding star~, and that Jon was born ~beneath~ it.

Alba è letteralmente una stella cadente dato che, diversamente dalla maggior parte delle spade che sono fatte in acciaio di Valyria, è stata forgiata da un meteorite e in questo momento è coperta di sangue. Quindi si potrebbe dire che è una stella sanguinante e che Jon è nato sotto di essa.

E il resto della profezia? Nello show, per ora, non abbiamo visto Jon brandire una spada fiammeggiante, ma – si sa – le profezie sono oscure e molti pensano che la spada fiammeggiante possa essere una metafora per la sua spada Lungo Artiglio, fatta di acciaio di Valyria.

Lyanna sicuramente piangeva durante il parto, quindi le sue lacrime potrebbero essere il sale, ma sembrerebbe non esserci nessun tipo di fumo, ma il fatto che Azor Ahai debba svegliare i draghi dalla pietra potrebbe essere un punto a favore di Jon. È altamente probabile, infatti, che Jon sia un Targaryen, figlio di Rhaegar – l‘Ultimo Drago. Se così fosse il sangue del drago scorrerebbe nelle sue vene.

Tuttavia – e qui viene il bello – un utente di Reddit ha elaborato una particolare teoria che vede un altro inaspettato candidato al ruolo del “principe che è stato promesso”: Ser Davos Seaworth, Cavaliere delle Cipolle.

You can read FollowTheBeard's extensive and very impressive argument in full here, but we'll go over some of the most compelling points.

Sì, lo sappiamo cosa state pensando: è assurdo! Però vi assicuriamo che per quanto assurda e poco probabile la teoria fila. Ed ecco perché:

Se torniamo con la mente alla seconda stagione, Melisandre era completamente convinta che Stannis fosse Azor Ahai, anche perché aveva estratto una spada dalle fiamme. Sappiamo tutti che fine ha fatto Stannis, quindi chiaramente Melisandre si sbagliava. Ma nella stessa scena, dopo che tutti avevano lasciato la spiaggia, Davos raccoglie la spada senza quasi nemmeno rendersene conto. Avvenimento senza significato o sottile messaggio di ciò che accadrà?

 

Poi: “rinascerà tra il fumo e il sale”. Al termine della seconda stagione, Tyrion fa saltare in aria la flotta di Stannis con l’Alto Fuoco. Tra loro vi era anche Davos, che dopo la battaglia delle Acque Nere tutti credevano morto. Fumo dalle navi in fiamme e sale dal mare. Davos non è morto, ma ci è andato vicino e la nascita della profezia potrebbe effettivamente essere una rinascita metaforica. Magari nel momento in cui ha perso tutto, compreso suo figlio, il destino di Davos come Azor Ahai è cominciato.

"I had heard you were dead," says Stannis upon being reunited with his Hand. While Davos's smuggler friend Salladhor Saan remarks, "You've only just come back to life. Stay alive a little longer, my friend."He may not have died. But he came rather close. And who says the birth from the prophecy isn't metaphorical? Perhaps this was the moment when everything changed for him, when he lost everything – including his son – and his destiny as Azor Ahai was set.

Per quanto riguarda la stella sanguinante, sempre durante la seconda stagione una cometa rossa attraversa i cieli di Westeros…anche durante la Battaglia delle Acque Nere.

E riguardo alla parte finale della profezia? Davos ha mai svegliato un drago? Beh in un certo senso sì. Dopo che Jon è stato ucciso da un manipolo di confratelli, è proprio Davos a convincere Melisandre a tentare di riportarlo in vita. Quando la donna pensa di aver fallito, Davos è l’unico a rimanere nella stanza col corpo di Jon e come sostiene chi ha pensato questa teoria “si avvicina a Jon implorando, supplicando e pregando per il suo ritorno. Poco dopo, Jon riprende a respirare.” In qualche modo Davos sarebbe quindi responsabile per la resurrezione di Jon, un Targaryen: un drago svegliato dalla pietra.

Tuttavia, l’argomentazione più persuasiva e interessante arriva direttamente da Liam Cunningham in persona, interprete di Davos, che ha rivelato a Conan O’Brien che la prima volta in cui ha incontrato George R.R. Martin, lo scrittore gli ha svelato un segreto che solo lui conosce.

Liam Cunningham
“La prima volta [che l’ho incontrato] ha detto: ‘Devo dirti una cosa’. Si è sporto verso di me, mi ha rivelato un segreto e ha detto: ‘non dirlo a nessuno’. Quindi non lo dirò a nessuno!”
Il ruolo di Davos potrebbe rivelarsi più importante di quanto sembri.

Chiaramente le teorie su Azor Ahai si sprecano e un’altra molto gettonata è che si tratti di Daenerys. Questa teoria, così come quella di Jon, si adatta anche a un’altro requisito suggerito nei libri: Azor Ahai deve essere un discendente di Aeris II Targaryen e di sua moglie Rhaella. Daenerys è la figlia e Jon il nipote. A meno che non ci sia un plot twist davvero inaspettato dietro l’angolo, Davos di sicuro non è un Targaryen.

Obbiettivamente, per quanto questa teoria sia interessante e stuzzicante è anche molto poco probabile. Quasi certamente Azor Ahai è Jon, ma in ogni caso è bello che ci siano così tanti spunti per nuove strambe e appassionanti teorie.

Ricordatevi che sul nostro sito abbiamo una sezione dedicata allo show. Per news e curiosità come questa continuate a seguirci anche sulla nostra pagina Facebook e non dimenticate: se avete idee da proporci o se vi piacerebbe entrare nel nostro team, non esitate a contattarci.

FONTE

No votes yet.
Please wait...